Il Grillo “fascista” fa arrabbiare il Pd

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Gli hanno dato del fascista, ai suoi parlamentari degli “squadristi”. E Grillo risponde indossando il giubbetto rosso della lotta partigiana. Lo fa utilizzando il lessico, come sa fare, e tenendosi sul filo dell’interpretazione. Ma tant’è. La parola resistenza da oggi secondo il leader del M5S deve essere agganciata ai grillini. “Noi affronteremo tutto, andiamo avanti e continuiamo a andare avanti. La democrazia non c’è più, sostituite la parola democrazia con governabilità. La dittatura della governabilità. E’ un momento strano, noi ci siamo in mezzo, noi siamo gli acceleratori di un processo che ormai è stato attivato. Io voglio un orizzonte per l’Italia e lo troveremo andando in Europa e cambiando gli accordi. Li cambieremo là, rivedremo tutta la posizione dell’Italia là.  Per adesso ci stiamo svendendo tutto, attraverso questa classe politica e economica che va sostituita e spazzata via”.  Grillo utilizza ancora una volta il suo blog per dare indicazioni ai suoi, lanciare proclami e buttare un amo all’elettorato. E lo fa sempre in maniera provocatoria, definendo l’azione dei 5 Stelle come “La nuova Resistenza”, facendo imbufalire non poco parecchi rappresentanti Pd. “Io vengo lì, a Roma, ad abbracciarvi, perché siete dei guerrieri meravigliosi”.

E la parola fascismo oggi l’ex comico l’ha usata spesso. Sulla legge elettorale, ad esempio: ‘E’ una legge fatta per tagliare fuori il Movimento 5 Stelle, l’ha detto anche il Ministro Mauro, se l’e’ fatto scappare a Porta a Porta, poi se n’e’ accorto, si e’ fermato, tutti gli altri hanno cambiato subito argomento. Una legge elettorale cosi’ non l’ha fatta neanche Acerbo al tempo del fascismo, che c’era un premio di maggioranza inferiore a questo”.

E poi su Napolitano:  “Noi rispettiamo quello che abbiamo detto: devono andare a casa tutti, a iniziare da lui, che studiava all’università’ in tempo di guerra. Uno che diceva che il fascismo bisognerebbe esportarlo in Unione Sovietica! È un uomo che dovrebbe essere a casa e invece sta  palleggiando questa legge elettorale incostituzionale”.