Tutto esaurito al Zalone del libro. Il comico è la star, con Veltroni, Baudo e Ligabue

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Quest’anno il salone del libro ha garantito un’edizione sorprendente come non mai. Cinque giornate dedicate ai libri, 1200 convegni, presentazioni e dibattiti. Io non so se ogni anno ci sia la medesima aspettativa, ma di certo ciò che mi ha sempre colpita è constatare che mentre i media proclamano la morte della lettura, la fila fuori il salone ne garantisce il rilancio, la rinascita, smentendo questo anatema. Che piovesse o si patisse il caldo, non ho mai avuto la percezione che quel serpentone educato e interessato, diminuisse negli anni.

Merito forse della varietà dell’offerta: up and down della letteratura, delle arti, del giornalismo. L’assenza di uno snobismo a cui, normalmente, siamo abituati in altri eventi in cui sono coinvolti scrittori, premi Nobel, politici, giornalisti. L’accessibilità è un valore del Salone.

Perché ha ragione Mara Maionchi: i libri non sono di proprietà degli intellettuali o destinati solo ad essi. I libri sono popolari. Di tutti. E questi eventi declinano più di qualsiasi altra presentazione, la speranza che la cultura sia ancora uno strumento di forza, indipendenza e libertà. Ma anche di evasione. Ed è proprio fra gli stand che te ne accorgi.

I libri si sfogliano, si toccano, si comprano, si scoprono. Così come i loro autori: sembrano appartenerti di più. Questa mattina alle ore 10.30 presenterò il mio libro Il mare nasconde le stelle durante l’evento “Una terra oltre il mare”. Ma la giornata sarà ricchissima: Walter Veltroni e Pippo Baudo, Marco Bianchi, Mara Maiochi, Ligabue, Matteo Salvini.

La Puglia è la regione ospite e tra i suoi testimonial ha avuto Checco Zalone, venerdì 13 alle 15. Domani ci saranno anche Roberto Vecchioni, Francesco De Gregori e Antonello Venditti che nei libri hanno raccontato un pezzo della propria vita e della nostra cultura musicale. L’elenco è lunghissimo e si può consultare sul sito del Salone. Così come gli eventi- che consiglio- legati al Fuori Salone. Altre star Clara Sanchez per Garzanti, Lilli Gruber, Alberto Angela, Paolo Mieli, Dacia Maraini. Torino è esemplare: dalla mattina alla sera  si trasforma in una fucina di talenti in fermento e la sera si rilassa in numerose feste organizzate dalle case editrici.

La kermesse letteraria, giunta alla 29esima edizione è adatta a tutti: famiglie, curiosi, ma soprattutto visitatori anche pazienti. Quest’anno infatti la novità del Metal detector ha fatto discutere e anche perdere un po’ di tempo . Del resto: prevenire meglio che curare, no? “Visioni” sarà il tema comune e condiviso: e niente si sposa meglio con la lettura. Ti offre la possibilità  di guardare lontano, ottenere l’impossibile. Ma questo è anche uno dei motivi per cui considero un privilegio il mio mestiere di scrittore. La penna è una bacchetta magica con cui offri l’impossibile. “L’invisibile agli occhi “.

Giorni fa ho presentato il libro in una libreria magica, a Milano: il mio libro. È’ una scatola lilla creata dalla libraia e scrittrice Cristina Di Canio . Ad un certo punto della sua vita ha lasciato il suo lavoro e ha costruito un acquario di libri a sua immagine e somiglianza. Io credo che questa sia l’essenza dei sogni. Al Salone del Libro ne puoi scartare e liberare parecchi. Senza regalare favole, non le potrai nemmeno vivere.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA