Il ministro Saccomanni è pronto a lasciare. Il titolare dell’Economia rompe la tregua delle larghe intese: basta ai compromessi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il ministro dell’Economia Fabrizio Saccomanni passa all’attacco e minaccia le dimissioni. E lo ha fatto già sapere, seppur ancora non formalmente, direttamente al presidente del Consiglio Enrico Letta e al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Saccomanni non accetterà più altri compromessi. La situazione italiana resta drammatica con lo sforamento del tetto del 3% del rapporto Pil – deficit; ma il titolare del dicastero dell’Economia non è più disposto ad accettare le minacce di Pd e Pdl. Occorre trovare nell’immediato 1,6 miliardi per non sforare quel tetto del 3%. Poi si dovrà concordare una tregua su Iva e Imu, rinviando la questione al 2014 con la legge di Stabilità.

“Mi risulta che il ministro Saccomanni come altri di noi è molto preoccupato rispetto alla situazione della finanza pubblica italiana e alla demagogia che segna una parte della maggioranza”. Così il viceministro dell’Economia Stefano Fassina in una intervista a SkyTg24, riferendosi al centrodestra. “Purtroppo – ha aggiunto – siamo in una situazione in cui la coperta non è corta, è cortissima”.

“L’invito che rivolgo – ha proseguito – è quello di confermare l’eliminazione dell’Imu per il 90% delle famiglie e lasciarla sul 10% delle abitazioni di maggior valore”, quelle sulle quali si paga “mille euro o più”. “Così recuperiamo un miliardo”. “La seconda rata dell’Imu deve essere ancora definita – ha continuato -. Se soltanto il 10% la paga, troviamo le risorse per evitare l’aumento Iva e per intervenire sull’Imu su capannoni e imprese”.

A proposito del rischio di crisi col centrodestra, ha spiegato: se cade il Governo “rischiamo seriamente di tornare al novembre 2011, di bruciare i sacrifici fatti e il commissariamento della trojka. Invito chi, anche nel mio partito, anche per esercizio congressuale, continua ad attaccare il governo, ad essere un po’ più consapevoli della situazione”. “Noi – ha puntualizzato – non vogliamo l’aumento dell’Iva e siamo convinti che vada evitato. Ma bisogna fare delle scelte. Nei prossimi mesi – ha spiegato – serviranno un miliardo per evitare l’aumento dell’Iva, 2,4 per evitare la seconda rata dell’Imu, 1,6 miliardi per tornare sotto il tetto del 3%, e altre risorse per le missioni internazionali e per rifinanziare la cassa integrazione in deroga”.

Dal capogruppo alla Camera Pdl Renato Brunetta finora, ha sottolineato Fassina, sono arrivate “solo chiacchiere”. “Presenti un emendamento – ha sfidato il viceministro – lo faccia validare dall’ufficio finanze e noi lo valuteremo”.

In ogni caso, ha concluso, in caso di crisi di Governo, “bisognerebbe fare di tutto per fare un Governo che vari legge elettorale e la legge di stabilità”. Per Fassina dovrebbe essere ancora un esecutivo guidato da Enrico Letta e che si potrebbe fare anche con l’appoggio dei grillini “che non giocano allo sfacio del Paese come il loro leader”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica finita nel cesso

Passando al cesso più tempo della media – tra una foto ricordo e l’altra – a Sgarbi dev’essergli caduto dentro il cervello. Non può spiegarsi diversamente lo stupore che l’ha colto quando ieri migliaia di persone l’hanno sommerso di insulti per le volgarità gratuite che

Continua »
TV E MEDIA