Mistero sulle cartelle cliniche di Gastone

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

Daniele De Santis, l’ultrà accusato di avere sparato a Ciro Esposito, fu accoltellato prima di sparare. Lo si apprende nel referto stilato dai medici del reparto protetto dell’ospedale Belcolle di Viterbo dove attualmente è ricoverato. Un particolare che viene fuori solo adesso e che verrà acquisito dalla Procura.

Così la dinamica dei fatti resta ancora un’incognita. Anche se dalle cartelle cliniche se ne potrebbe sapere qualcosa di più su quanto accadde realmente prima della finale di Coppa Italia tra Napoli e Fiorentina del 3 maggio scorso. La perizia del Rel Racis evidenzia che De Santis sparò contro i supporter azzurri dopo essere stato “sopraffatto dagli aggressori”. Ora dai referti dell’ospedale di Viterbo emergerebbe anche che l’ultrà romanista sarebbe anche stato accoltellato all’addome, particolare non messo a referto quando De Santis venne portato d’urgenza al pronto soccorso del Policlinico Gemelli.