Il Papa è cauto sulla riforma della curia: “Non è facile”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Papa Francesco parla davanti al Consiglio per l’economia, il cui compito è di ristrutturare tutta la gestione delle finanze vaticane. Nell’occasione, lancia un appello auspicando un cambiamento ai vertici della Chiesa. “La riforma della Curia romana” è finalizzata a “meglio servire la Chiesa e la missione di Pietro”. “Una nuova mentalità di servizio evangelico dovrebbe stabilirsi nelle varie amministrazione della Santa Sede”. Poi, però, fa capire che il compito è tutt’altro che facile, che ci sono resistenze. Il percorso della riforma della Curia “non sarà semplice e richiede coraggio e determinazione”, ha detto. “E’ una sfida notevole che richiede fedeltà e prudenza” ha aggiunto.

D’altronde, a testimonianza delle difficoltà incontrate nel percorso di riforma voluto da Bergoglio, ci sono anche le parole pronunciate nei giorni scorsi dal cardinale honduregno Oscar Rodriguez Maradiaga, capo del Consiglio della Corona che collabora con Francesco nel governo della Chiesa: “Papa Francesco sta cercando di costruire un nuovo modo di essere Chiesa ma il suo cammino, simile a quello di San Francesco d’Assisi nel tredicesimo secolo, sta incontrando difficoltà nella Curia romana.

Poi torna sulla sua concezione della Chiesa povera per i poveri. Segreteria e Consiglio per l’economia, dice Bergoglio, rappresentano “la consapevolezza della Chiesa della sua responsabilità di tutelare e gestire con attenzione i propri beni alla luce della sua missione di evangelizzazione, con particolare premura per i bisognosi”: “Non uscire da questa strada: trasparenza, efficienza ma per questo”.