Il patto di stabilità nuovo incubo di Letta. Una volta blindati i conti pubblici sarà la volta delle riforme istituzionali

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Fabrizio Gentile

Forte della vittoria di ieri e del nuovo patto di maggioranza, il premier Enrico Letta lavora ora alla ripartenza dell’azione di governo che, come ha sempre sostenuto il presidente del consiglio, deve concentrarsi sulle politiche e non sul teatrino della politica. Sarà la legge di stabilità il passaggio in cui Letta vuole dimostrare il cambio di passo dell’esecutivo. E, anche se la finanziaria è ancora in alto mare, il premier ha chiare le priorità, tagli del cuneo fiscale e della spesa pubblica attraverso la spending review, e il metodo: no a trattative estenuanti e al tradizionale assalto alla diligenza da parte dei partiti.
L’’’immane’’ tragedia di Lampedusa ha offuscato il sollievo per l’esito della fiducia. Non appena sono cominciate ad arrivare a Palazzo Chigi le notizie del naufragio, Letta e Alfano, che hanno appena cementato un’intesa antica, hanno concordato le mosse per marcare la presenza e l’iniziativa del
governo. Il vicepremier è subito partito per Lampedusa mentre il presidente del consiglio ha convocato il consiglio dei ministri per proclamare il lutto nazionale e, con una telefonata ai sindaci dell’isola, ha fatto sapere che, non appena le condizioni lo consentiranno, si recherà personalmente.

Ministri compatti
Ma, nonostante l’ennesima tragedia umanitaria, nel governo tutti i ministri parlano di un clima di grande compattezza. In realtà, anche nei momenti di massima tensione politica, l’atmosfera in consiglio dei ministri è sempre stata buona ma ‘’ora – racconta un ministro del Pd – dopo lo strappo di Alfano e dei colleghi del Pdl è come se fosse venuta meno anche la diffidenza reciproca’’. E l’udienza pubblica di oggi in giunta per la decadenza del Cavaliere non sembra preoccupare granché il presidente del consiglio, convinto che ormai la distinzione tra governo e vicende giudiziarie di Silvio Berlusconi sia stata affermata con il successo del governo. Per questo Letta vuole approfittare di questo clima di nuova luna di miele dentro il governo, e del cedimento di Silvio Berlusconi alle ragioni delle colombe, per chiudere in modo sprint alcuni dossier cruciali per i paese. Il 15 il consiglio dei ministri dovrà approvare la legge di stabilità e il premier vuole costruirla in un ascolto massimo con le forze sociali e il paese. Che, a suo avviso,
dovranno contribuire a dare il segno della finanziaria più che le pretese dei partiti.
Lunedì, infatti, Letta vedrà i leader di Cgil , Cisl e Uil Susanna Camusso, Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti. E mercoledì incontrerà la delegazione di Rete Imprese e della Cna Ivan Malavasi. Ma già dall’incontro di oggi con il ministro del Lavoro Giovannini si capisce che il cuneo fiscale e gli sgravi sul lavoro saranno al centro insieme, a quanto spiegano fonti parlamentari, un intervento sulle aliquote Iva. Per cercare di arginare l’aumento di un punto scattato ormai irrimediabilmente a causa della crisi di governo. Incontrando il segretario Pd Guglielmo Epifani, il premier ha fatto ieri un primo punto sulle priorità economiche e su come evitare avvitamenti dentro la maggioranza. Ma, oltre alle misure economiche, un nuovo input è partito da Palazzo Chigi: l’invito al Parlamento ad accelerare sulle riforme istituzionali, Porcellum compreso. Stimolo che il presidente della commissione Affari Costituzionali di Palazzo Madama Anna Finocchiaro ha subito raccolto: ‘’Per riaffermare la centralità del Parlamento, sono determinata, e con me tutti gruppi parlamentari, ad approvare al Senato una nuova legge elettorale prima che la corte Costituzionale si pronunci sul Porcellum’’.

Il patto di stabilità
Il ministro per gli Affari Regionali Graziano Delrio al question time al Senato è stato chiaro: regole più semplici per reciperare risorse. “La revisione e la semplificazione del Patto di stabilità avverrà nella Legge di stabilità, l’orientamento del Governo è a semplificarlo per la prima volta e a ridurne l’impatto per liberare investimenti in conto capitale”. Il ministro ha aggiunto che verrà attivata al più presto la Conferenza per il coordinamento della finanza pubblica, istituita ma mai partita. ”Il Governo ha preso un impegno preciso rispetto alla revisione del Patto di stabilità che comporta oneri di programmazione burocratici, è anomalo rispetto agli altri Paesi partner europei ma ha contribuito a 4 miliardi di saldi positivi per i Comuni”, ha proseguito Delrio nel question time. “La parte regionalizzata del Patto di stabilita’ – ha ricordato il ministro – ha contribuito in modo significativo al raggiungimento di obiettivi importanti, quella esperienza va valutata come esperienza da rafforzare e aiutare. Il Governo vuole attivare rapidamente la Conferenza per il coordinamento della finanza pubblica, purtroppo mai convocata anche se da due anni avrebbe dovuto iniziare il lavoro. In quella sede saranno trovati nuovi criteri e nuove forme e di rafforzamento del Patto regionale”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA