Il Pil dell’Italia va sempre peggio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

Anche il 2014 si chiuderà in recessione per l’Italia. Secondo la previsione dell’Ocse, contenuta nel “September Interim Forecast”, secondo cui il Pil del nostro Paese si contrarrà quest’anno dello 0,4% dopo il -1,8% del 2013. Lievissimo segnale di ripresa nel 2015 quando il Pil crescerà ma solo dello 0,1%. La nostra economia sarà l’unica grande economia dell’area a segnare quest’anno un andamento in negativo.

La stima dell’Italia è stata vista al ribasso rispetto all’Economic Outlook di maggio. Il recupero in Europa resta comunque deludente. Il Pil dovrebbe aumentare in Germania dell’1,5% sia quest’anno che il prossimo, mentre in Francia il prodotto interno lordo dovrebbe assestarsi allo 0,4% nel 2014 e all’1% nel 2015.

Anche Standard and Poor’s taglia le stime per il Pil Italiano nel 2014. L’agenzia prevede ora una crescita zero contro il +0,5% previsto a giugno. Lo si legge in un rapporto dedicato all’Eurozona

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA