Il pizzo della Camorra anche sulla costruzione di una chiesa

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Manette sul clan Belforte. Il blitz anticamorra nel Casertano, ordinato dalla Procura Antimafia di Napoli, ha portato all’esecuzione di 34 ordinanze cautelari nei confronti di persone ritenute affiliate al clan di Marcianise, in particolare alla frangia attiva a Maddaloni. Le indagini hanno svelato decine di estorsioni nei confronti di imprenditori, commercianti e operatori economici nel comprensorio di Maddaloni, Cervino e S. Maria a Vico. Tra le vittime anche i titolari dell’impresa aggiudicataria dell’appalto, del valore di due milioni di euro, finanziato in gran parte dalla Conferenza Episcopale Italiana, per la realizzazione di un complesso parrocchiale a Maddaloni.
Le accuse sono associazione di stampo mafioso, plurime condotte estorsive, reati inerenti le armi, partecipazione ad un’associazione finalizzata alla detenzione ed allo spaccio di stupefacenti, delitti aggravati dalla metodologia mafiosa.