Il Punto di Mauro Masi. Il business della raccolta dei diritti d’autore: necessario affidarsi a società autorevoli

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Global Music Report 2016 dell’Ifpi (International Federation of the Phonographic Industry  l’organizzazione  che rappresenta gli interessi dell’industria discografica a livello mondiale) registra un evento, a suo modo, storico: nel 2015 per la prima volta nel mercato musicale mondiale la prima fonte di incassi (il 45% del totale) è stato il comparto digitale superando i ricavi derivati da formati fisici (39%) e dalla musica dal vivo (14%).

Stiamo parlando di un business che ammonta totalmente a più di 15 miliardi di euro annui (in Italia circa 148 milioni) e dove cresce in maniera esponenziale il comparto streaming la musica ascoltata attraverso il Web, un settore letteralmente esploso (anche da noi in Italia: il 41% del totale) con l’avvento dello smartphone.

Tutto ciò implica una conseguenza non immediatamente percepibile dal grande pubblico ma ben presente al business: cresce sempre più l’importanza degli introiti da  “royalties” cioè dei proventi da diritto d’autore (per molto tempo considerati irrilevanti e trascurati dalle case discografiche quando il mercato era tutto conchiuso dai ricavi provenienti dalla vendita di dischi, cassette, CD).

Da qui un’altra conseguenza: una rinnovata grande attenzione alla struttura tecnico/giuridica nonché agli assetti proprietari degli enti/società di “collecting” quelle società cioè che raccolgono i diritti su mandato degli autori. La tematica, che in questo momento è “calda” in tutto il mondo, lo è particolarmente in Italia perché,  proprio in questi giorni, è in esame in Parlamento la conversione in legge nazionale della cosiddetta Direttiva Barnier dell’UE che impone (con modi e tempi scelti dai Legislatori nazionali) agli Stati membri di rendere possibile agli artisti di scegliere su base europea a chi affidarsi per tutelare e gestire il diritto d’autore sulle proprie opere.

Come noto, da noi esiste da oltre 130 anni il monopolio del collecting da parte della SIAE con tutti i ben noti pregi e difetti che ciò comporta (il dibattito sul si o no al monopolio è vecchio quasi quanto la SIAE stessa). Il Ministro Franceschini, intervenendo in Parlamento, ha già peraltro segnalato quanto sia importante questo ruolo della SIAE e che “la Direttiva non dice agli Stati come debbano organizzarsi al loro interno ma si limita a far riferimento all’esigenza di garantire ai titolari dei diritti di potersi rivolgere a collecting di altri Paesi europei”.