Il Punto di Mauro Masi. Obbligo di trasparenza per chi raccoglie i dati

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

I dati sono per la società dell’informazione quello che era il petrolio per l’economia industriale: “ la risorsa critica che alimenta l’innovazione su cui fa affidamento la gente” (da Big Data di Mayer-Schönberger e Cukier). E di fronte alle capacità di raccogliere e utilizzare i dati di cui sono oggi capaci le aziende “Over the Top” (Google, Amazon, Apple,Facebook, Microsoft) si stanno sviluppando problematiche simili a quelle nate con l’ascesa dei così detti “robber  barons” ( i baroni rapinatori) che nell’America del XIX secolo dominavano le ferrovie, l’industria dell’acciaio, le reti telegrafiche. Per contenere questi giganti, il governo federale degli Stati Uniti introdusse le leggi Antitrust; un sistema nato specificatamente per le ferrovie ma costruito con una tale intelligente  flessibilità  da renderlo applicabile con efficacia anche negli anni successivi: alla Standard Oil negli anni ’20, all’IBM negli 60, alla Xerox negli anni 70, all’ATeT negli anni ’80 a Microsoft negli anni ‘ 90. Ora però ci si chiede se la natura peculiare della Rete, o meglio della raccolta dei dati attraverso la Rete, non renda del tutto superate le tradizionali ricette Antitrust. Come ha osservato di recente l’Economist, spaccare Google in  4 o 5 “Googletes”  darebbe solo modo ad una di queste di riaggregare attraverso il Web il mercato di riferimento  e riproporsi entro breve tempo in posizione dominanate. E non è detto poi che in questo scenario  di scissioni e riaggregazioni gli utenti / consumatori  abbiano a  guadagnarne  in termini sia di costi ( molti dei servizi offerti oggi delle Over The Top sono gratuiti) che di qualità dei servizi. Il tema è, naturalmente, apertissimo e le soluzioni, se e quando arriveranno, non potranno prescindere da una riflessione sulla natura e sul funzionamento di Internet come fenomeno tipicamente sovranazionale.  Quello che fin d’ora si può dire è che, al di là degli eventuali vincoli giuridici e/o tecnici ( ma saranno mai possibili??),  chi è in grado di raccogliere mega-flussi di dati deve essere obbligato alla massima trasparenza, ad iniziare delle stesse Istituzioni nazionali e sovranazionali. Al riguardo,  in molti sottolineano  l’importante  esempio del sistema indiano Aadhaar che mette a disposizione di tutti una piattaforma di identificazione dei residenti in India in base a dati biometrici e demografici che vede ad oggi un miliardo e 133milioni di iscritti (il 99% degli indiani con più di 18 anni) e che il Capo Economista della Banca Mondiale Paul Romer ha definito “ il programma ID più sofisticato al mondo”.

La rivista “The Atlantic”,  il media tradizionale della cultura un po’ elitaria della East Coast americana ( si pubblica a Boston sin dal 1857),  ci racconta un caso singolare di contenzioso sul diritto d’autore che riguarda un murales apparso in questi giorni su un palazzo a Chicago e che raffigura il volto di Michelle Obama ritratta come una regina dell’antico Egitto. Il murale è opera dell’ urbanista e artista Chris Davis (che lo ha addirittura firmato) ma riprende in toto un disegno postato su Istagram nell’ottobre scorso dall’artista “digitale” Gelila Mesfin. Polemiche puntute tra i due e dichiarazioni un po’ fuori tema ma, a ben vedere, la problematica è quella solita: le immagini prese dai social sono protette dal diritto d’autore?

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA