Il Reddito di cittadinanza non si tocca. Il sottosegretario all’Economia Villarosa conferma: “Ci sarà dal primo aprile. Il rapporto deficit/pil dal 2,4% al 2,04% non avrà conseguenze sulla misura”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il reddito di cittadinanza “ci sarà dal primo aprile”. A confermarlo è stato ieri Alessio Villarosa (nella foto), sottosegretario M5S all’Economia, ospite del programma Un giorno da pecora su Rai Radio1, aggiungendo che il passaggio del rapporto deficit/pil dal 2,4% al 2,04% non avrà conseguenze sulla misura. Per spiegare quanto accaduto, Villarosa ha argomentato che, sostanzialmente, all’inizio il Governo aveva stimato una cifra più alta per il reddito di cittadinanza, poi si è reso conto che, per garantire l’intervento, sarebbero bastate meno risorse. “Quindi se l’Europa avesse dato l’ok sul 2,4%, avreste lasciato questi soldi in più?”, chiedono i conduttori. “Sono soldi in più che se non utilizzati – ha concluso Villarosa – rimangono nell’economia dello Stato, nei portafogli dei cittadini”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA