Il Reddito di Cittadinanza non si tocca

Il presidente del M5S, Giuseppe Conte: "C'è tanto furore ideologico nell'attacco al Reddito di cittadinanza".

“C’è tanto furore ideologico nell’attacco al Reddito di cittadinanza. In tutti paesi è un sistema di protezione sociale”. È quanto ha detto il leader del M5S, Giuseppe Conte, arrivando all’assemblea dei parlamentari del Movimento in corso a Roma.

CAMERA, DICHIARAZIONI PROGRAMMATICHE, DIBATTITO E VOTO DI FIDUCIA AL GOVERNO MELONI

Il presidente del M5S Conte: “C’è tanto furore ideologico nell’attacco al Reddito di cittadinanza”

“Secondo l’Istat – ha aggiunto Conte – (il Reddito di cittadinanza, ndr) ha salvato un milione di persone dalla povertà. Dire che chi percepisce il Reddito ed è idoneo al lavoro deve lavorare è una banalità, una tautologia, acqua fresca. Un atteggiamento serio da parte di chi governa è dire lavoriamo tutti insieme per migliorare le politiche del Reddito”.

Ricciardi: “Se si pensa che il problema è la guerra ai poveri cominciamo male”

“Ci batteremo per il Reddito di cittadinanza sia dentro sia fuori dal Parlamento. La politica si fa anche sui territori, nelle piazze”, promette, invece, il vicepresidente del M5s, Riccardo Ricciardi, ricordando che “la politica si fa anche sui territori, nelle piazze. Se si pensa che il problema è la guerra ai poveri cominciamo male”.

“Una misura così grande e impattante – ha detto ancora Ricciardi a Repubblica – ogni volta va sottoposta ad aggiornamento. Noi declineremo delle proposte in legge di bilancio, visto che conosciamo bene la materia, per migliorare l’aggancio tra domanda e offerta”.

Per furore ideologico, ha proseguito il vice presidente del M5S, “non si può fare la guerra ai poveri. Sarebbe una sciagura, non solo al Sud ma anche in tante periferie del Nord. Quindi faremo tutto il possibile sia in Parlamento che fuori”.

Meloni, ha concluso Ricciardi, “si sta ponendo in continuità a Draghi e il Pd ha avuto come vessillo l’agenda Draghi è evidente che stando così le cose rappresentiamo la vera e autentica opposizione”.

Patuanelli: “Meloni toccherà il Reddito di cittadinanza? Dovrà passare da un’opposizione fortissima, durissima”

“Se Meloni toccherà il Reddito di cittadinanza? Lo temiamo ma dovrà passare da un’opposizione fortissima, durissima. Ci batteremo con tutte le nostre forze” ribadisce il senatore M5S ed ex ministro, Stefano Patuanelli.

“Vogliono sostituire il Reddito di cittadinanza dicendo ‘al suo posto vi diamo il lavoro’. Meloni ci dica chi ha il lavoro – ha detto il 5S Ettore Licheri arrivando alla congiunta M5S -, dove è nascosto. Quando ci saranno le condizioni di una occupabilità seria se ne potrà parlare. Ma queste sono prese in giro”.

Leggi anche: Reddito di cittadinanza. Una goccia nel mare della spesa. Dalla nascita nel 2019 è costato 25,9 miliardi. E ha messo in sicurezza la tenuta sociale del Paese

Pubblicato il - Aggiornato il alle 17:10
Seguici su Facebook, Instagram e Telegram