Il Reddito di cittadinanza piace pure a Bruxelles. La Commissione Ue punta sul fondo per il sostegno ai disoccupati. Vuole portarlo a 225 milioni l’anno

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Reddito di Cittadinanza sembra ora entusiasmare anche l’Ue. Il meccanismo messo in piedi in Italia per aiutare i disoccupati è infatti per molti versi simile a quello del fondo europeo per l’adeguamento alla globalizzazione, il Feg. E proprio analizzando quel fondo, in una relazione appena depositata all’Europarlamento, la Commissione europea ha specificato che il 60% dei beneficiari sono riusciti a reinserirsi nel modo del lavoro e che è opportuno dunque investire sempre di più in tale misura.

Il Reddito prevede un aiuto economico a chi si trova in difficoltà e contestualmente un aiuto a trovare un’occupazione. Simile appunto al Feg, istituito nell’ormai lontano 2007, con l’obiettivo di sostenere i lavoratori che hanno perso l’impiego a causa della globalizzazione e delle trasformazioni della struttura del commercio, e poi esteso al sostegno di chi viene licenziato a causa della crisi finanziaria e dei giovani. Un fondo per aiutare i lavoratori ad adattare le loro competenze alle nuove esigenze del mercato e a trovare una nuova occupazione, tra attività di orientamento, formazione, aiuti per la creazione di nuove imprese, incentivi e indennità temporanee.

NUOVO CORSO. La Commissione ora presieduta da Ursula von der Lyen, esaminando i risultati di tali investimenti nel 2017 e nel 2018, ha scoperto che ben il 60% dei beneficiari del fondo hanno trovato un nuovo lavoro, a fronte del 47% del biennio precedente. Il sistema dunque funziona. Anche se con qualche differenza tra Paese e Paese. In Svezia ad esempio ha trovato una nuova occupazione il 79% dei beneficiari del Feg, mentre in Grecia solo il 28%. Va quindi migliorato, ma l’idea che da soli i disoccupati possano risolvere i loro problemi è tramontata. A Roma come a Bruxelles. Dopo che tra il 2017 e il 2018 il Consiglio e il Parlamento hanno adottato 15 decisioni sul fondo di adeguamento alla globalizzazione, con un finanziamento totale pari a 45,5 milioni, a sostegno di 14.517 persone, la Commissione ha così ora proposto all’Europarlamento di andare avanti con il Feg e di irrobustirlo.

L’Esecutivo europeo vorrebbe investire, tra il 2021 e il 2027, ben un miliardo e mezzo per aiutare chi ha perso il lavoro a trovare una nuova occupazione, con una media di 225 milioni l’anno. Misure in cui determinante sarà l’azione dei Governi nazionali, visto che i diversi progetti vengono finanziati dall’Ue fino al 60%, ma servono comunque investimenti e progetti nazionali. Insomma anche in tema di politiche del lavoro l’Europa non sembra più solo quella del rigore. A Bruxelles stanno cambiando passo. Hanno capito che in caso contrario, con gravi ripercussioni per tutti, a veder gonfiare i loro consensi sarebbero solo i sovranisti.

E come sta emergendo con la Brexit con serie ripercussioni per tutti. Nello stesso documento con cui la Commissione spinge su un irrobustimento del Feg viene del resto specificato: “L’Europa è solidale con quanti ne hanno più bisogno”. Un’Unione attenta dunque alle esigenze dei cittadini e non più solo alla quadratura dei conti. Con un principio che sembra l’unico utile a salvare la stessa Ue e a renderla rispondente alle mutate esigenze.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA