Il ritratto di Fiorito. Il filantropo di Dorian Gray

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

«Mai più in politica, lo giuro. Mi metto a fare il filantropo». Così avrebbe detto Franco Fiorito, commentando la sentenza del tribunale di Roma che lo ha condannato a tre anni e quattro mesi di reclusione per peculato. Una dichiarazione che fa pensare, quella dell’ex capogruppo del Pdl alla pisana, perché fa notare quanto alcuni considerino la politica poco prossima al perseguimento del bene altrui: tanto da considerarli addirittura come obiettivi alternativi. Ad ogni modo il viatico è il peggiore possibile, perché il filantropo che si definisca tale fa sempre un po’ paura. Anche Oscar Wilde, ne Il ritratto di Dorian Gray, lo diceva: «I filantropi perdono ogni senso di umanità: è la loro caratteristica distintiva».

@coconardi

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Per la sinistra dei Tafazzi non c’è cura

Inutile nascondersi dietro alibi o rimpianti: il vaccino per il Covid l’hanno trovato ma per l’autolesionismo della Sinistra non c’è cura. A destra, dove Salvini e Meloni non si parlano e Forza Italia ormai ha poco da dire, come al solito si presenteranno con candidati

Continua »
TV E MEDIA