Il Ruby ter sarà un processo unico. Riuniti i due filoni, ma il dibattimento slitta a dopo l’estate. Si tornerà in Aula il prossimo 24 settembre

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il processo Ruby ter sarà unico, visto che dopo mesi è arrivata la decisione di riunire i due filoni aperti. Al centro del procedimento c’è l’accusa di corruzione in atti giudiziari, che ha originato un unico processo a carico del leader di Forza Italia Silvio Berlusconi e di altri 27 imputati, tra cui la stessa Karima El Mahroug e una serie di giovani passate dalle serate di Arcore al banco dei testi nei processi sul caso Ruby.

Si comincerà col dibattimento dopo l’estate. Precisamente il prossimo 24 settembre. Le difese, infatti, hanno chiesto e ottenuto tempo per preparare la discussione sulle parti civili. Il filone principale era quello che vedeva imputato Berlusconi insieme ad altre 23 persone che era già cominciato da un anno e mezzo. Procedimento poi rimasto in attesa dell’altro filone.

Il pubblico ministero Luca Gaglio aveva provato ad opporsi al rinvio, ma non c’è stato niente da fare. Le richieste di costituzione delle parti civili, tra cui la Presidenza del Consiglio, erano state depositate da tempo, ma i giudici della settima penale hanno accolto le istanze delle difese e quindi se ne parlerà a settembre.