Il suicidio assistito di Dj Fabo, il processo a Marco Cappato finisce alla Consulta. Sarà una sentenza storica

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La questione è delicata tanto che il tribunale di Milano ha rimesso alla Corte costituzionale che dovrà analizzare la posizione di Marco Cappato sulla morte di dj Fabo. Il leader dei radicali si era autoaccusato dell’aiuto al suicidio, ma il tribunale ha deciso di non decidere. Né assolto né condannato.

Assoluzione per Cappato in merito all’accusa di aver rafforzato il proposito suicidiario di dj Fabo. La lettura dell’ordinanza, piena di punti estremamente tecnici, è durata oltre un’ora.Il tutto dopo una camera di consiglio di cinque ore.

“Voglio dire grazie alla scelta di Fabiano per quello che ha fatto e che clandestinamente fanno molte persone ogni anno – ha commentato Cappato – E’ ora che la politica agisca, aiutare Fabo a morire era un mio dovere”.

Per l’associazione Luca Coscioni si tratta di “Un’occasione per superare un reato introdotto in epoca fascista”. Attesissima quindi la pronuncia della Consulta che sarà legge.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA