Il tesoretto della criminalità

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

In un momento in cui l’Italia arranca, scoprire che la criminalità ha un tesoretto (attenzione, solo quello sequestrato dalla Guardia di Finanza) di 3 miliardi di euro, fa impressione. Mentre la politica si arrovella per cercare di ripianare i buchi di bilancio (senza però colpevolmente mettere mano a sprechi e privilegi) c’è un altra Italia che prosegue nei suoi lucrosi affari. Almeno fino a quando la Finanza non ci mette il naso. E così nel 2013 le Fiamme Gialle hanno sequestrato alla criminalità organizzata beni per 3 miliardi di euro. Sono state 3.929 le indagini patrimoniali, a carico di 8.869 tra persone e imprese, che hanno consentito di avanzare all’autorità giudiziaria proposte di sequestro per oltre 5,2 miliardi, il 73% in piu’ rispetto al 2012. Dal bilancio della Gdf emerge poi che le regioni centro-settentrionali, con il sequestro di beni e capitali per oltre 900 milioni (+80% sul 2012) si confermano al centro degli interessi finanziari dei clan: appalti di grandi opere ed edilizia, ciclo del cemento e smaltimento dei rifiuti speciali, vendita all’ingrosso e al dettaglio, ristorazione e attività ricettive, oltre a settori  particolarmente “sensibili”, come le sale gioco e i ‘compro oro’, sono gli strumenti preferiti dalle mafie per il reinvestimento delle ingenti liquidità di cui dispongono.