In arrivo ad Aviano altre 50 testate nucleari Usa. Bonelli: “Fatto grave. Si sommerebbero alle 30 già presenti. Se ne occupi il Parlamento”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Gli americani sono in procinto di trasferire 50 testate nucleari, provenienti dalla base Nato turca di Incirlik, ad Aviano, dove ne sono già presenti 30. “L’Italia – denuncia il coordinatore nazionale dei Verdi, Angelo Bonelli – diventerebbe il deposito di armi nucleari più imponente di tutta Europa se fosse confermata la notizia del trasferimento di 50 testate nucleari, provenienti dalla base Nato turca di Incirlik e questo sarebbe un fatto di una gravità inaudita perché si sommerebbero ad altre 30 testate già presenti nella base italiana”.

“Sarebbero le forze aree militari americane (USAF) – aggiunge l’esponente verde – ad aver scelto la base di Aviano e considerata la gravità di questa possibile scelta chiediamo al governo se conferma questa notizia e di portare immediatamente il problema alla valutazione del Parlamento. Quello che sconcerta è l’orientamento degli Usa che decidono di trasformare l’Italia nel maggiore deposito di armi nucleari d’Europa e questo silenzio del governo italiano è inaccettabile”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA