In arrivo il nuovo decreto Green Pass. Domani la Cabina di regia e il Consiglio dei ministri. Crescono i ricoveri: 8 regioni rischiano di finire in zona gialla

Green Pass Draghi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il governo assumerà domani le nuove decisioni, annunciate nei giorni scorsi (leggi l’articolo), per affrontare la quarta ondata dell’epidemia di Coronavirus. Il tema delle nuove misure – in particolare l’introduzione del Super Green Pass – sarà affrontato in Consiglio ministri dopo la riunione della Cabina di regia. Tra le nuove misure che l’esecutivo Draghi si appresta a varare ci sarà con ogni probabilità anche l’obbligo della terza dose per i sanitari e la riduzione della validità del Green Pass.

Intanto secondo i dati del monitoraggio dell’Agenzia Nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas), 8 regioni e province autonome cresce la percentuale di posti in reparto occupati da pazienti Covid con sintomi, ovvero: Calabria (al 7%), Marche (al 10%), Puglia (al 4%), Piemonte (al 5%), Toscana (all’8%), Umbria (al 7%), Sardegna (al 6%) e Bolzano (al 9%). In altre 6 sale la percentuale di degenze nelle terapie intensive (leggi l’articolo): Basilicata (al 2%), Lombardia (all’11%), Veneto (al 6%), Piemonte (al 6%), Sicilia (al 10%) e Trento (al 10%). La situazione è stabile in Friuli Venezia Giulia, ma a livelli oltre soglia, pari a 15% e 17%.

A livello nazionale, sempre secondo i dati dall’Agenas, il 6% delle terapie intensive e l’8% dei posti in reparto, sono occupate da pazienti Covid, entrambi i valori sono sotto la soglia limite, rispettivamente al 10% e 15%, il cui superamento costituisce uno dei parametri che possono determinare il passaggio della regione in zona gialla. Tale soglia è però superata da singole regioni.

Questa attualmente la situazione relativa, rispettivamente, all’occupazione di terapie intensive e di posti letto in reparti ospedalieri di area non critica: Abruzzo 4% e 7%; Basilicata 2% (+1) e 6%; Calabria 7% (+1%) e 12%, Campania 5% e 8%, Emilia Romagna 6% e 7%; Friuli Venezia Giulia 15% e 17%; Lazio 9% e 10%; Liguria 8 (-1%) e 7%; Lombardia 4% e 11% (+1%); Marche 10% (+2%) e 7%, Molise 3% e 5%; Pa Bolzano 9% (+1%) e 16%; Pa Trento 7% e 10% (+2%); Piemonte 5% (+1) e 6% (+1); Puglia 4% (+1%) e 5%; Sardegna 6% (+1%) e 3%; Sicilia 5% e 10% (+1%); Toscana 8% (+1%) e 5%, Umbria 7% (+1%) e 7%, Valle d’Aosta 3% e 7% (-1%); Veneto 6% e 6% (+1%).

Leggi anche: Lockdown sociale per i no vax. La strada è segnata. Avanti con il Super Green Pass. Il Governo dovrà decidere se limitare le restrizioni in tutta Italia o soltanto nelle zone a rischio.