In arrivo la proroga per i versamenti della rottamazione ter e del saldo e stralcio. Castelli: “Al lavoro sui dossier sospesi, a partire dalle cartelle esattoriali”

LAURA CASTELLI
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Ministero dell’Economia ha fatto sapere, per il momento attraverso un comunicato stampa e una dichiarazione del vice-ministro Castelli, che è in corso di redazione “il provvedimento che differirà il termine del 1° marzo 2021 per il pagamento delle rate della ‘rottamazione-ter’ (articoli 3 e 5 del DL n. 119/2018) e del ‘saldo e stralcio’ (art. 1 commi 190 e 193 della Legge 145/2018)”.

Il termine, spiega ancora il Mef, “riguarda le rate del 2020 ancora non versate a cui si aggiunge la prima rata del 2021 della rottamazione-ter”.​ “Il provvedimento – aggiungono dal ministero dell’Economia – entrerà in vigore successivamente al 1° marzo 2021 e i pagamenti, anche se non intervenuti entro tale data, saranno considerati tempestivi purché effettuati nei limiti del differimento che sarà disposto​”.

“Parliamo subito di fatti. Ma prima voglio ringraziare il MoVimento 5 Stelle – ha scritto in un post il vice-ministro all’Economia, Laura Castelli (M5S) -, per aver difeso il lavoro che abbiamo fatto in questi anni, e per avermi confermato la fiducia. E’ un grande onore, per me, continuare a servire il Paese da viceministro dell’Economia e delle Finanze”.

“Lavoreremo nel solco tracciato – ha aggiunto l’esponente M5S -, e nei prossimi giorni, dopo il giuramento, riprenderemo in mano tutti i dossier sospesi, a partire da quello delle cartelle esattoriali. Intanto al MEF si sta lavorando ad un provvedimento che differisce il termine del 1° marzo 2021 per il pagamento delle rate della ‘rottamazione-ter’ e del ‘saldo e stralcio'”.