In Italia la digitalizzazione viaggia a due velocità. Bene i grandi enti e il Centro-Nord. Notevoli i ritardi nel Meridione. Nonostante una spesa di 5,8 miliardi l’anno

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La pubblica amministrazione italiana è ancora lontana dalla completa digitalizzazione. Con buona pace del piano triennale per l’informatica e del ministro pentastellato per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione Paola Pisano. Ad arrancare sono soprattutto gli enti più piccoli. Senza contare che pure su tale fronte rispunta la solita questione meridionale, con il Centro e il Nord avanti rispetto al Meridione. Un dato appurato da un’indagine appena conclusa dalla Corte dei Conti, che ha chiesto informazioni a 8.036 Regioni, Province autonome, Province, Città metropolitane e Comuni.

I magistrati contabili evidenziano “un netto divario digitale tra gli enti territoriali, che si distribuisce secondo fattori sia geografici che dimensionali”. Quasi tutte le Regioni, le Province autonome e le 12 Città con popolazione superiore a 250mila abitanti hanno infatti raggiunto gli obiettivi del Piano triennale 2017-2019, prevalentemente nei distretti economicamente più sviluppati del Centro-Nord e in particolare del Nord-Est.

Pesante invece la situazione negli enti locali di piccole dimensioni, con carenze e inadeguatezze sia nei criteri di selezione della figura istituzionalmente preposta a guidare i processi di digitalizzazione nella PA sia nel campo della formazione delle risorse umane nelle tecnologie dell’informazione. Una piaga nonostante l’Italia, non a caso maglia nera in Europa, investa per l’informatica pubblica, tra risorse nazionali e comunitarie, circa 5,8 miliardi l’anno.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Garantisti con tutti tranne che con Grillo

Se pensate che la bava alla bocca dei peggio giustizialisti sia vergognosa date prima un’occhiata al veleno dei meglio garantisti, di destra e di sinistra, difensori a oltranza della nipote di Mubarak e sostenitori di partiti dove più delinquenti arrestano più ne arrivano, e non

Continua »
TV E MEDIA