In moto d’acqua con la polizia, figuraccia in mondovisione. Stampa estera contro il ministro Salvini per gli insulti al cronista di Repubblica

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Non si placa la polemica sul caso della moto d’acqua e del figlio di Salvini “ospite” della Polizia di Stato. Dopo i silenzi del Capitano perché non parla – così ha detto – con chi usa i bambini per fini politici, sono altri silenzi a far agitare anche la stampa estera. Come raccontato ieri proprio da Repubblica, infatti, diversi corrispondenti delle principali testate statunitensi hanno sottolineato come il comportamento di Matteo Salvini ricordi precisamente quello del presidente Usa, Donald Trump.

“Se Salvini, che non hai mai nascosto una sua grande ammirazione per Trump, ha deciso di imitare lo stile del Tycoon di attaccare e insultare i giornalisti che il presidente Usa descrive come ‘nemico del popolo’, siete messi male voi italiani”, commenta Trisha Thomas, corrispondente della Associated Press e presidente dell’Associazione Stampa Estera.

Ma ciò che ha lasciato sbigottiti è il silenzio dei tanti giornalisti presenti in conferenza stampa davanti alle accuse lanciate dal ministro al cronista di Repubblica, Valerio Lo Muzio: “Vada a riprendere i bambini in spiaggia, visto che le piace tanto”. E poi il silenzio gelido dei presenti. Giornalisti compresi. Intanto nella giornata di ieri è intervenuta sulla questione anche Giorgia Meloni con una sua personalissima interpretazione: “Ci sta anche che ogni tanto si faccia vedere ai bambini come funzionano questi mezzi”. E poi ha concluso ribadendo il suo disappunto nel “far entrare nella polemica politica i figli, al di là degli errori che madri e padri possono fare per loro”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA