In ogni artista c’è un’anima Beat. Warhol amava i Beach Boys. Dalì preferiva Alice Cooper. Su Radio1 Rai i gusti musicali di pittori, poeti e registi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Lo sapevate che Andy Warhol adorava ascoltare i Beach Boys? Quindi sotto sotto cullava il sogno americano di Kennedy? E che l’artista era anche un patito del surf? Non a caso nel 1968 girò San Diego Surf, film rimasto inedito fino al 1996. Proprio il surf informerà le pennellate e la visione di alcune sue opere, quel senso di fluidità che le caratterizzava. Oppure sapevate che Salvador Dalì andava pazzo per Alice Cooper? Del quale riprodusse il cervello sotto vetro. Tanti di questi aneddoti, e molti altri, fanno parte del programma Beat Connection, il nuovo programma di Radio1 Rai, che partirà il 19 ottobre. Alla conduzione Francesco Adinolfi, una striscia in onda dal lunedì al venerdì, dalle 14.30 fino alle 15. Dagli anni Sessanta ai rapper odierni, i suoni fiancheggiano lo spirito di un tempo, lo segnano in profondità e spesso lo indirizzano. È impossibile raccontare il genio di Andy Warhol, registi come Fellini o Kubrick senza tener conto del ruolo che la musica ha avuto nella loro vita e nella loro opera. Un altro esempio? il regista John Carpenter che adorava Vangelis. Creare connessioni tra storie e i ritmi musicali è l’obiettivo del conduttore del programma.

LE UOVA DI YESTERDAY
Molto curiosa anche la storia di Paul McCartney ,che, alle prese con la futura Yesterday, decise di intitolarla inizialmente Scrambled Eggs, uova strapazzate. Con la testa frullata come in un tegamino se ne andava per Londra chiedendo ad amici e conoscenti se qualcuno non avesse già sentito quella melodia, se non fosse un plagio ecc. L’ossessione sonora divenne pura sovversione in Unione Sovietica, dove negli anni Cinquanta le poche copie di dischi jazz e rock’n’roll, importate illegalmente, venivano duplicate su lastre radiografiche (cranio, torace, ecc.) e diffuse sottobanco. In pratica se si voleva ascoltare Frank Sinatra o Elvis Presley bisognava mettere sul grammofono una lastra rubata sulla quale veniva inciso come in un vinile la canzone vietata. Beat Connection è un progetto – afferma il direttore di Radio1 Flavio Mucciante – che completa l’offerta musicale di Radio1, alternativa a quella delle reti commerciali. Il programma racconta eventi artistici e musicali che hanno contribuito a segnare un’epoca, intrecciando fatti noti e meno noti, mescolando l’inatteso con il prevedibile, evidenziando una serie di dettagli e retroscena che aiutano a rendere lo spirito di personaggi e contesti storico-sociali”.

IL CONDUTTORE
Francesco Adinolfi è autore di numerosi saggi sul mondo della musica, ha condotto programmi radiofonici come Rai Stereonotte, Ultrasuoni Cocktail e più di recente Popcorner ed è stato corrispondente da Roma di Melody Maker, la più nota rivista musicale britannica.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA