In periodo di euroscetticismo, l’Ue prova a rilanciarsi facendosi pubblicità. Piatto da 36 milioni per spot sui social, sui cartelloni e video da proiettare al cinema

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’obiettivo dell’ Ue è quello di pianificare una masiccia campagna spot acquistando “spazi pubblicitari sulle piattaforme di social media, supporti stampa, media audiovisivi e cartelloni pubblicitari”.

Per un costo complessivo di ben 36 milioni di euro. Insomma, in un periodo di diffuso euroscetticismo, il Parlamento europeo prova a rilanciarsi a 360 gradi. E come? Facendosi pubblicità. Tramite social, come detto, ma anche “alla vecchia maniera” con gigantografie da appiccicare sui cartelloni pubblicitari. Il tutto al modico prezzo, come detto, di 36 milioni di euro.

Nel dettaglio, il bando è diviso in due lotti, uno  da 18 milioni specifico per la pubblicità social (Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Flickr, YouTube, Snapchat, Storify, Spotify, Reddit, Pinterest); un altro invece per acquistare pagine di giornali, per i caertelloni pubblicitari oppure “brevi video promozionali” da prioettare, all’occorenza, al cinema.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA