I blitz del Fisco funzionano:boom di riscossioni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Carola Olmi

Aumentare i controlli fiscali paga. Anche con i blitz, come quello di due anni fa a Cortina, quando il Fisco sembrò mostrare il suo volto peggiore. Negli ultimi anni c’è stato così un notevole incremento del riscosso dalle attività di controllo, che è passato dai 3,8 miliardi del 2001 a circa 13,1 miliardi di euro dell’ultimo esercizio. A fare i conti è stato ieri il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Attilio Befera, ascoltato in commissione Finanze del Senato. Solo a Cortina i controlli hanno fatto recuperare allo Stato oltre 2 milioni, ha detto il dirigente. Molto più significativo il risultato complessivo del 2013, visto il periodo di forte difficoltà per la crisi economica, che si è sostanziato in una flessione del Pil a prezzi costanti, pari, nel 2013, a -1,9% che è seguita alla caduta già registrata nel 2012 pari a -2,4 per cento”.

Più cause vinte

L’Agenzia delle Entrate, ha poi spiegato Befera, vince il 64% delle cause discusse e il 75% dei valori in contestazione. Un dato che unito all’efficacia media dei controlli ha consentito di raddoppiare il rendimento in termini di riscosso rispetto alla pretesa e, appunto, di rafforzarne la sostenibilità in giudizio. Ne è derivato un flusso finanziario che nel 2013 ha permesso all’Agenzia delle Entrate di rimborsare quasi 13,5 miliardi a 1,5 milioni di famiglie e impres

Contribuenti risarciti

In particolare, sono stati rimborsati 11,5 miliardi di Iva a oltre 65mila imprese, oltre 1,8 miliardi di Irpef e Ires a famiglie e imprese, e oltre 200 milioni per le altre imposte, come quelle di registro e le concessioni governative con più di 18mila rimborsi. Si procede lenti, invece, sul completamento della riforma del catasto, che Befera ha stimato in 5 anni, esattamente come aveva fatto – ma più di un anno fa – l’allora direttore dell’Agenzia del Territorio, Gabriella Alemanno. “Speriamo comunque di fare prima”, ha detto Befera, secondo cui sarà possibile per questo scopo utilizzare capacità esterne all’Agenzia.