Incendio a Fiumicino. I passeggeri il cui volo non è partito hanno diritto al rimborso del biglietto o a una nuova prenotazione. Siti e numeri da consultare

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

All’ora di pranzo il primo volo della giornata, della compagnia Iberia, è partito da Fiumicino. Lentamente, molto lentamente si è cercato di tornare alla normalità. Migliaia di passeggeri hanno passato ore in attesa nei terminal T1 e T2. Lunghe file ai desk delle compagnie aeree e passeggeri sistemati dentro e fuori dai terminal. Il banco informazioni del terminal 1 è stato preso d’assalto dai viaggiatori con i loro biglietti e le prenotazioni bene in mostra. Gli addetti aeroportuali distribuiti dentro e fuori dai terminal hanno fornito assistenza, informazioni e viveri di prima necessità. Ma chi si è visto cancellare il volo e magari ha perduto la possibilità di chiudere un affare o ha perso una coincidenza con un altro scalo come viene risarcito?

RIMBORSI
Per ottenere i rimborsi delle prenotazioni e dei biglietti ogni compagnia ha le sue modalità. Tutti i passeggeri Alitalia coinvolti hanno diritto alla riprotezione su nuovi voli Alitalia, modificando la propria prenotazione entro domenica 10 maggio oppure al rimborso del biglietto in caso di cancellazione. Per tutte le informazioni occorre verificare lo stato del volo sul sito alitalia.com o contattare il numero verde 800 650055. Per quanto riguarda EasyJet tutti i passeggeri dei voli cancellati potranno ottenere un cambio di prenotazione gratuito o ricevere un rimborso completo se decideranno di non volare, andando su easyJet.com, gestione prenotazioni. Air France e Klm invitano i propri passeggeri a verificare lo stato del proprio volo sui siti www.airfrance.it nella sezione Orari dei voli e www.klm.it nella sezione Informazioni sui voli, oppure sui rispettivi social media. Meridiana ai passeggeri in partenza da Olbia per Fiumicino ha proposto di imbarcarsi sul volo per Milano Linate. In alternativa sono stati offerti il rimborso del biglietto o la prenotazione su un volo successivo. Comunque la compagnia aerea invita i propri clienti prenotati sui voli da e per Roma a contattare il numero 892.928 per controllare l’effettivo orario di partenza ed evitare eventuali disagi.

RISARCIMENTI
Ma chi ha perso un volo che l’avrebbe portato a chiudere un affare importante può chiedere un risarcimento? Alla compagnia no, perché il disagio non è stato causato dal vettore su cui avrebbe dovuto volare. «Tuttavia essendo stata una circostanza eccezionale – ha spiegato Mastrantoni dell’Aduc – bisognerà aspettare l’esito dell’indagine per poi rivalersi su chi ha causato il danno e chiedere a quest’ultimo una compensazione pecuniaria». Secondo Federconsumatori è necessario che si faccia la massima chiarezza sull’incendio divampato all’aeroporto di Fiumicino. Intanto, tutti i passeggeri che avrebbero dovuto partire ieri mattina, il cui volo è stato annullato per causa di forza maggiore, hanno diritto a rimborso del biglietto oppure la riprotezione su un altro volo in tempi rapidi. Nel caso della riprotezione su altro volo la compagnia deve provvedere anche alle spese di prima necessità, vale a dire il pernottamento in albergo e i pasti. È la compagnia o il tour operator che, in ogni caso, deve tenere informati e aggiornati i passeggeri, a maggior ragione nel caso organizzi la partenza da un altro scalo. Per maggiori informazioni c’è il numero 059 251108. Anche il Codacons sta vigilando sul riconoscimento dei diritti dei passeggeri. «Non vorremmo che ai disagi si aggiungesse pure il rifiuto delle compagnie aeree di riconoscere i diritti dei passeggeri – spiega il presidente Carlo Rienzi – Per tale motivo invitiamo tutti i viaggiatori coinvolti nella cancellazione dei voli a chiedere il rimborso integrale dei biglietti non utilizzati. Siamo pronti alla guerra legale contro chi non accorderà ai cittadini riprotezione o restituzione delle somme spese per i titoli di viaggio. Fin da ora gli uffici del Codacons sono a disposizione degli utenti per segnalare qualsiasi problema con le compagnie aeree».