Inchiesta sulle stragi mafiose del 1993, Renzi difende Berlusconi e strizza l’occhio a Forza Italia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

A pensar male si fa peccato ma spesso ci si indovina. Dopo la nuova inchiesta sulle stragi di mafia a carico di Silvio Berlusconi, nessuno poteva sorprendersi nel leggere qualche difesa d’ufficio da parte di parlamentari di Forza Italia. Ma pochi avrebbero potuto immaginare che a farlo, in modo del tutto inaspettato e rigorosamente via Facebook, sarebbe stato addirittura il capo di Italia Viva, Matteo Renzi. Che i due si siano a lungo corteggiati, tanto da dar vita al patto del Nazareno, è cosa nota. Ma ieri l’ex dem sembra aver fatto di più, strizzando l’occhio al Cav in quella che ha tutto l’aspetto di una manovra politica, magari volta a rinsaldare il loro rapporto in vista di qualche futura intesa. Fantapolitica? Probabilmente sì ma l’ex sindaco del capoluogo toscano non è nuovo a trovate geniali e sorprendenti. Fatto sta che mentre i pm di Firenze indagano su Berlusconi per le stragi del 93 e del 94, l’ex sindaco ha scritto che “vedere che qualche magistrato della procura della mia città, da anni indaghi sull’ipotesi che Berlusconi sia responsabile persino delle stragi mafiose o dell’attentato a Maurizio Costanzo mi lascia attonito”. Un inchiesta tutt’altro che finita ma che l’ex dem ha già bollato come finita perché: “Sostenere 25 anni dopo e senza uno straccio di prova, che egli sia il mandante (delle stragi, ndr) significa fare un pessimo servizio alla credibilità delle istituzioni italiane. Di tutte le istituzioni”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica finita nel cesso

Passando al cesso più tempo della media – tra una foto ricordo e l’altra – a Sgarbi dev’essergli caduto dentro il cervello. Non può spiegarsi diversamente lo stupore che l’ha colto quando ieri migliaia di persone l’hanno sommerso di insulti per le volgarità gratuite che

Continua »
TV E MEDIA