Inferno in autostrada, Conte a Bologna incontra il poliziotto eroe. Il Premier: “Dobbiamo capire cosa è successo per prevenire tragedie come questa”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“DoSono venuto per accertare di persona le conseguenze sulle persone e sulle cose del terribile incidente di ieri. Rispetto alla dinamica che si è realizzata e a quelle che potevano essere le conseguenze, possiamo considerarci fortunati. E’ stata una tragedia, ma visto che i feriti sono in via di guarigione ringrazio i soccorritori e i medici per quanto fatto”. Così il premier Giuseppe Conte, lasciando l’ospedale Maggiore di Bologna dopo avere fatto visita ad alcuni dei feriti dell’incidente di ieri a Borgo Panigale.

“E’ un modo per essere vicini alle persone e ai familiari e per testimoniare la vicinanza del governo”, ha aggiunto il presidente del Consiglio, per il quale “ci sono accertamenti in corso, è stata avviata un’indagine per l’ipotesi di disastro colposo, verranno fatte delle verifiche. Noi dobbiamo capire cosa è successo per prevenire tragedie come questa. Non si tratta di annunciare nuove prescrizioni, ma vigliare se ci sia qualche smagliaurtura. Quel che bisogna fare è vigilare sugli standard di sicurezza e vale a tutti i livelli”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA