Insinuazioni su Casaleggio. Ma ad andare in fumo è il Riformista. Il giornale: soldi da Philip Morris per pagare meno tasse. Le consulenze però erano note. E partono le querele

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’onestà è andata in fumo. Ha titolato così ieri Il Riformista riferendosi ai quasi 2 milioni di euro di Philip Morris Italia incassati dalla Casaleggio associati, società di servizi per il Movimento 5 Stelle, e aggiungendo che questa sarebbe la prova che giustificherebbe gli aiutini che i 5S avrebbero dato alla lobby del tabacco. Il giornale diretto da Piero Sansonetti ha inoltre aggiunto che il rapporto di consulenza tra la società del figlio del fondatore del Movimento e il gigante del tabacco si è sviluppato da settembre 2017 e fino all’ottobre scorso risultava andare ancora avanti e ha sostenuto che in cambio i grillini avrebbero garantito una tassazione agevolata sul tabacco riscaldato. Insinuazioni respinte da Davide Casaleggio, che ha preannunciato una querela, e dalla stessa Philip Morris: “Philip Morris non finanzia partiti, fondazioni o movimenti politici in Italia e agisce nel rispetto della legge”.

L’INTERVENTO. Il figlio del fondatore del Movimento ha sostenuto che si tratta di “teorie fantasiose” e ha specificato di aver già dato mandato ai suoi legali per procedere con una querela per diffamazione. “Affrontiamo pure il tema del conflitto di interesse – ha detto – a partire dai 120 parlamentari che possiedono un’azienda e firmano leggi”. Poi, sul presunto scambio tra gli affari conclusi con Philip Morris e le scelte dei pentastellati in Parlamento, ha affermato: “Io non firmo decreti, né voto leggi, e non ho mai fatto ingerenze. Questi sono i fatti”.

Sull’articolo del Riformista si è però ovviamente scatenata la polemica politica. “L’ho sempre detto che il M5S era tutto fumo. Ora sembrerebbe che questo fumo fosse ben pagato dalle lobby del tabacco”, si è affrettata a twittare la presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. “Secondo Il Riformista – ha aggiunto l’azzurra Deborah Bergamini – la Casaleggio Associati avrebbe preso dei soldi da una delle più importanti multinazionali del tabacco per ottenere in Parlamento che fossero tagliate le tasse sulle sigarette elettroniche. Un’accusa gravissima che oltre a gettare ombre pesanti sul M5S, confermerebbe i nostri dubbi sul metodo e la trasparenza dell’esercizio democratico dei grillini, di fatto controllati da una società privata in parte sovvenzionata da soldi pubblici”.

E bordate sono arrivate pure dagli alleati di Governo. “Suggerisco a Casaleggio e ai colleghi Cinque Stelle un modo molto semplice per smentire questa ricostruzione: approvare l’emendamento a mia prima firma che prevede un rafforzamento dell’assistenza socio-sanitaria domiciliare ai più fragili finanziato dalla riduzione dello sconto fiscale di cui beneficia il tabacco riscaldato. Si tratta di una proposta a tutela della salute e del Sistema sanitario nazionale lanciata da CittadinanzAttiva insieme a un’alleanza di oltre 70 organizzazioni”, ha dichiarato la deputata Rossella Muroni, di Leu.

Ma i pentastellati non ci stanno a farsi crocifiggere. “Come sempre non abbiamo nulla da nascondere e della trasparenza abbiamo fatto uno dei nostri capisaldi. E non tutti possono dire lo stesso. Sul conflitto d’interessi – ha specificato la deputata Anna Macina – noi del Movimento non accettiamo lezioni da nessuno”. Ancora: “Visto che, improvvisamente, il tema pare stare così tanto a cuore ad alcuni, allora calendarizziamo per l’Aula subito la proposta di legge sul conflitto di interessi, sul cui testo base è confluita la pdl a mia prima firma, e approviamola nel più breve tempo possibile. Vediamo chi ci sta e chi è coerente e chi, invece, fa solo propaganda politica e mere strumentalizzazioni”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Gualtieri assente sulla legalità

Se non ci fosse da piangere sarebbe tutta da ridere l’ultima accusa del candidato dem al Comune di Roma, Roberto Gualtieri, contro la Raggi. Secondo l’ex ministro dell’Economia, la sindaca non è riuscita a sfrattare l’associazione di destra CasaPound dallo stabile che occupa abusivamente nel

Continua »
TV E MEDIA