L’addio a Zangheri. Il sindaco baluardo di Bologna negli anni di piombo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Fu una delle barriere più forti nei terribili anni di piombo. Renato Zangheri, sindaco di Bologna dal 1970 al 1983 affrontò senza cedere mai la stagione del terrorismo che nella sua città trovava allora ampie sponde negli ambienti universitari e anarchici. Nel suo percorso trovò anche la ferita più grande nella storia recente della città, quell’attentato alla stazione che il 2 agosto del 1980 uccise 85 persone. Zangheri è morto ieri a 90 anni, lasciando un vuoto in quella generazione di leader di sinistra che rischiarono pur di non scendere a patti con gli ambienti contigui all’eversione e extraparlamentari. Il premier Matteo Renzi lo ha definito: “Uomo retto e diretto, simbolo di una stagione difficile e di una risposta ferma e civile al terrore”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA