Iraq, ecco le armi italiane per i curdi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

Tempi più stretti per il ponte aereo per la fornitura di armi ai peshmerga curdi in Iraq. Dopo l’informativa, in programma mercoledì di fronte alle Commissioni Esteri e Difesa delle Camere da parte dei ministri Federica Mogherini e Roberta Pinotti, il ponte aereo tra Roma ed Erbil potrebbe diventare realtà.

Le pianificazioni dell’intervento vengono messe a punto in queste ore presso gli stati maggiori. Saranno gli esponenti del governo a definire i dettagli dell’iniziativa italiana, su cui l’esecutivo ha voluto informare preventivamente il Parlamento. Nel frattempo, è da qualche giorno che si susseguono tra Roma ed Erbil i voli nell’ambito della missione di aiuto italiana che ha trasportato nelle zone del conflitto acqua, viveri e generi di prima necessità.

L’Italia, nell’ambito dell’iniziativa comune che ha preso forma all’ultimo consiglio europeo, non si esclude quindi di fare eventuale ricorso ai kalashnikov, circa 30mila, e alle tonnellate di munizionamento sequestrati nel 1994, nel pieno delle guerre nei Balcani, ad una nave da trasporto partita dall’Ucraina e diretta a Spalato. Possibile anche la fornitura di armi ‘non letali’ come puntatori laser, dispositivi anti-bomba, giubbotti antiproiettile, sistemi di comunicazione radio. E forse anche, ma sono in corso valutazioni di compatibilità con gli attuali standard operativi e addestrativi delle milizie curde, qualche vecchia mitragliatrice Browning o fucili mitragliatori Mg da anni non più in uso presso le forze armate italiane.

Sul campo invece proseguono i raid aerei americani vicino alla diga di Mosul contro i jihadisti dello Stato islamico dell’Iraq. I caccia Usa hanno condotto altri raid. Queste azioni sono destinate a sostenere «gli sforzi umanitari, proteggere le infrastrutture strategiche, il personale e le strutture degli Stati Uniti in Iraq, e assistere le forze di sicurezza irachene e le forze di difesa curde nella loro lotta all’avanzata dei jihadisti» si legge in una nota del Comando centrale militare Usa (Centcom).