Iraq, vecchie armi italiane per i curdi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

Arriva il via libera dalle commissioni Esteri e Difesa del Senato e della Camera all’invio delle armi ai curdi. Le L’ok è giunto con 27 voti favorevoli e 4 contrari, nessuno astenuto. Alla Camera i sì sono stati 56, i no 13. Proprio mentre il premier Matteo Renzi atterra a Bagdad per una visita lampo in un Paese in piena guerra. E sono tanti i critici che dietro la visita del premier vedono l’ennesimo spot per il governo. Renzi, da par suo, tira dritto e dribbla qualsiasi critica: “L’Europa in questi giorni deve essere qui, altrimenti non è Europa, perché chi pensa che la Ue volti le spalle davanti ai massacri, impegnata solo a pensare allo spread, o sbaglia previsione o sbaglia semestre”. A Bagdad Renzi ha incontrato il premier uscente al Maliki esprimendo vicinanza al governo e al popolo iracheno. Da presidente di turno dell’Unione europea ha sottolineato: “L’Europa deve essere nei posti come in Iraq dove la democrazia è messa in pericolo”.