L’Italia fa la voce grossa. Nessun negoziato al ribasso sul Bilancio Ue. Conte chiede modifiche radicali. “Più risorse per gli obiettivi strategici”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sul bilancio Ue restano distanti le posizioni tra i diversi Paesi europei e le aperture ieri del presidente del Consiglio, Charles Michel, non sono state considerate sufficienti. L’Italia continua così a reclamare maggiori fondi e non arretra di un millimetro. A specificarlo sempre il premier Giuseppe Conte, ribadendo che Roma non è disposta a un negoziato al ribasso. Nel vertice straordinario dei 27 leader, riuniti per una trattativa fiume sul bilancio europeo dal 2021 al 2027, si stanno fronteggiando i falchi dei Paesi del nord e le colombe del Mediterraneo. Ogni Paese ha inoltre interessi propri da difendere e a complicare ulteriormente tutto c’è anche il buco di 70 miliardi lasciato dalla Brexit.

Michel ha fatto una proposta da 1.095 miliardi di euro, pari all’1,074% del Pil Ue, cercando in tal modo un compromesso. Un’ipotesi bocciata però da Conte, ritenuta “deludente” dallo spagnolo Pedro Sanchez, “poco ambiziosa” dal francese Emmanuel Macron, e “insoddisfacente” anche dalla cancelliera Angela Merkel. Senza contare che, mentre i Paesi mediterranei spingono per proteggere la politica di coesione da tagli che impedirebbero lo sviluppo delle regioni più povere, i Paesi cosiddetti frugali vogliono una revisione al ribasso e una connotazione più forte sulla modernizzazione a scapito di politiche tradizionali come coesione e agricoltura, con in testa il leader austriaco Sebastian Kurz, il danese Mette Frederiksen, lo svedese Stefan Lofven e l’olandese Mark Rutte. Sulla Pac il punto più controverso è poi la convergenza del livello degli aiuti per ettaro tra Paesi diversi. Gli Stati dell’Est Europa ne chiedono infatti di più, mentre Olanda, Belgio, Danimarca e anche l’Italia contestano il principio, che non tiene conto delle differenze tra costi di produzione tra i paesi.

SCHIENA DRITTA. “Il bilancio europeo deve fornire gli strumenti per realizzare gli obiettivi dell’agenda strategica europea. Quindi non si sta discutendo di uno strumento puramente contabile – ha sostenuto Conte – ma del sostegno finanziario necessario per perseguire le politiche europee”. Il premier ha quindi aggiunto che per tali ragioni il volume complessivo è ritenuto inadeguato. “Tra le modalità di una sua variazione – ha evidenziato – occorre far ricorso anche alle risorse proprie dell’Unione europea e ad ulteriori risparmi su altre voci, prime fra tutte quelle relative sui rebates”. “Lavoriamo perché l’Europa raggiunga dei risultati. Il punto di differenza tra noi e altre posizioni è uno: si tratta di fondi pubblici e ci sono 27 interessi nazionali, ognuno guarda a quanto investe e a quali sono i rientri, ma accanto a questo c’è la strategia dell’Unione Europea”, ha dichiarato inoltre sempre ieri il ministro per gli affari europei Vincenzo Amendola.

I negoziati dunque fervono e potrebbero andare avanti ancora per giorni. A tarda sera, giunto il momento degli incontri bilaterali, è stato inoltre fissato un bilaterale notturno tra il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel. Un’altra occasione per ribadire la posizione dell’Italia e spiegare il perché di tale posizione. Potrebbe essere il momento giusto per ottenere l’auspicata apertura da parte dell’Unione. Ma prima di arrivare a una sintesi e a un’intesa sul bilancio occorrerà altro tempo.