L’Italia ha a disposizione due vaccini anti-Covid. Via libera dell’Aifa al farmaco prodotto da Moderna. Le prime dosi arriveranno la prossima settimana

Vaccino Moderna
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) ha dato il via libera all’immissione in commercio e all’utilizzo nell’ambito del Servizio sanitario nazionale al vaccino anti-Covid dell’azienda americana Moderna, che nei giorni scorsi aveva ricevuto l’ok anche dell’Ema (leggi l’articolo). E’ il secondo vaccino che viene autorizzato in Italia dopo quello di Pfizer-BionTech. Le prime dosi potrebbero arrivare già la prossima settimana. Il vaccino, ha indicato la Commissione Tecnico Scientifica dell’Agenzia del farmaco, ha un rapporto rischio/beneficio particolarmente favorevole nella popolazione a maggiore rischio.

Il vaccino è indicato a partire dai 18 anni di età, anziché dai 16 anni (come nel caso del farmaco Pfizer), prevede due somministrazioni a distanza di 28 giorni, invece che di almeno 21 giorni. L’immunità si considera pienamente acquisita a partire da 2 settimane dopo la seconda somministrazione, anziché una. Il farmaco prodotto da Moderna va conservato a temperature comprese tra i -15° e -25°, ma è stabile tra +2° e +8° per 30 giorni se in confezione integra. Il flaconcino multidose contiene 6,3 ml e non richiede diluizione, è quindi già pronto all’uso.

“Salutiamo con entusiasmo – ha commentato il direttore generale dell’Aifa, Nicola Magrini – la possibilità di mettere a disposizione un secondo strumento per questa campagna vaccinale che sta raggiungendo ottimi risultati in Italia. Si tratta di un vaccino sostanzialmente equivalente rispetto al primo, con dati molto convincenti rispetto a tutte le popolazioni a rischio”. La scienza, ha sottolineato, invece, il presidente dell’Agenzia del farmaco, Giorgio Palù, “ci ha fornito in pochissimo tempo un’altra arma potentissima ed efficace che sicuramente potrà incidere da subito sulla salute dei soggetti più a rischio, ma anche limitare la circolazione del virus se, come è auspicabile e come sta in affetti accadendo, l’adesione alla campagna vaccinale sarà convinta e sostenuta”.