L’Italia supera il milione di vaccinati contro il Covid. Arcuri: “E’ solo il primo passo di un lungo percorso che durerà ancora molto tempo”

Vaccini Coronavirus
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’Italia supera il milione di vaccinati contro il Covid-19. Sono, infatti, 1.002.044 le dosi somministrate dall’inizio della campagna nel nostro Paese (qui il report). Covid-19. “Un milione di persone vaccinate in Italia. È il primo incoraggiante passo di questa maratona decisiva per il futuro di tutti noi” ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza. “Grazie alle donne e agli uomini del Servizio Sanitario Nazionale – ha aggiunto l’esponente dell’Esecutivo – che con il loro lavoro straordinario rendono possibile questa impresa”.

“Il primo milione di cittadini italiani – ha detto, invece, il Commissario straordinario all’emergenza Covid-19, Domenico Arcuri – è stato vaccinato. È un risultato del quale andare orgogliosi: siamo il primo Paese in Europa. Questo grazie al prezioso impegno e alla dedizione delle donne e degli uomini del Servizio sanitario nazionale, alla determinazione di tutte le Regioni e Province autonome del nostro Paese con le quali lo staff della Struttura del Commissario Straordinario ha lavorato con grande professionalità e passione in queste settimane. Non potevamo augurarci un inizio migliore, ma dobbiamo ricordare che è solo il primo passo di un lungo percorso che durerà ancora molto tempo e che ci porterà ad uscire da questa emergenza”.

“Un milione di italiani ha ricevuto il vaccino anti Covid19. Un sentito ringraziamento ai cittadini e al nostro Servizio sanitario nazionale per la risposta straordinaria. L’Italia è prima in Ue per numero di persone vaccinate. Un dato incoraggiante. Andiamo avanti così mantenendo sempre alta la guardia” ha scritto, invece, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte.

Delle persone vaccinate, 627.474 sono donne e 374.570 uomini. Mentre 754.901 appartengono al mondo degli operatori sanitari, 159.653 è rappresentato da personale non sanitario ed infine 87.490 sono ospiti di strutture residenziali. La Campania è la regione con la più alta quota di vaccini somministrati rispetto alle dose disponibili (88,5%), la Calabria risulta l’ultima con 43,3%. Il dettaglio delle regioni: Abruzzo (70,4%), Basilicata (47,4%), Calabria (43,3%), Campania (88,5%), Emilia-Romagna (73,9%), Friuli Venezia Giulia (69,4), Lazio (64,5%), Liguria (60,5%), Lombardia (63,8%), Marche (68,7), Molise (59,4%), Provincia Autonoma Bolzano (61,4%), Provincia Autonoma Trento (56,4%), Piemonte (72,9%), Puglia (68,5), Sardegna (60%), Sicilia (63,9%), Toscana (72,8%), Umbria (73,4%), Valle d’Aosta (69,9%), Veneto (77,2%).