L’Italia è tra le tre incertezze che pesano sull’economia europea. Moscovici: “La mia porta resta aperta. La manovra comporta rischi per aziende, risparmiatori e cittadini”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Dobbiamo cerca cercare con tutte le nostre forze delle soluzioni condivise. La mia porta resta aperta”. E’ quanto ha detto il commissario agli Affari economici, Pierre Moscovici, in una conferenza stampa a Parigi parlando della legge di bilancio italiana. Moscovici ha sottolineato che la manovra del governo italiano è una delle “tre incertezze che pesano sull’economia europea” assieme alle tensioni commerciali e la Brexit.  Il commissario agli Affari economici ha ribadito la necessità di dialogo con il governo: “Ho sempre preferito l’incentivo alla sanzione”.

“Non sono mai stato un partigiano delle sanzioni. Penso – ha aggiunto Moscovici – che le sanzioni siano sempre un fallimento. Sono sempre stato un commissario favorevole alla flessibilità aperto al dialogo tra Roma e Bruxelles, legato a un’Italia che rimanga al centro della zona euro”.

Accennando ai tre principali rilievi fatti all’Italia dalla Commissione Ue, cioè crescita, deficit e debito, Moscovici ha aggiunto che “al momento attuale non hanno trovato risposta”. “Continuiamo a pensare – ha concluso il Commissario Ue – che la manovra italiana comporti rischi per aziende, risparmiatori e cittadini italiani. Questo rischio ha un nome: si chiama debito al 130% del Pil”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA