Italicum, dopo la tempesta Renzi prova a ricucire con la minoranza Dem. Ma avverte: “Ora si sa chi ha vinto”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Prove di dialogo all’interno del Partito democratico. Almeno è quello che viene fuori dalle dichiarazioni del day after l’approvazione dell’Italicum. E il premier, Matteo Renzi, prova a stemperare gli animi dopo lo scontro frontale degli ultimi giorni: “Noi siamo per tenere tutti dentro. La legge elettorale non è importante solo in quanto tale, ma perché permette di sapere chi vince le elezioni e dà a chi vince il compito e la responsabilità di governare, non continuare a chiacchierare ma fare le cose”.

Sull’Italicum, però, non si placano le opposizioni. C’è la Lega pronta con una proposta per un referendum parzialmente abrogativo dell’Italicum. Si punta all’abrogazione dei 100 capilista bloccati, le pluricandidature e il ballottaggio.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA