La Azzolina replica a Salvini: “La scuola resti fuori dalla campagna elettorale perché così si spaventano le famiglie e gli studenti”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“A inizio anno scolastico si parla sempre di caos e babele”. E’ quanto ha detto al Tg3 la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina. “Le Regioni – ha aggiunto l’esponente dell’Esecutivo – hanno potuto scegliere, ed è competenza loro, quando far cominciare l’anno scolastico e nella maggior parte dei casi 17 Regioni hanno deciso di ricominciare il 14 settembre. Per noi è priorità assoluta riportare gli studenti in classe e per fare questo il governo ha fatto un’operazione molto complessa che va avanti da settimane”.

“Se la mozione di sfiducia di Salvini è legata al plexiglas voglio rassicuralo perché non è scritto in un nessun documento” ha aggiunto la ministra a proposito della mozione di sfiducia nei suoi confronti annunciata dal leader della Lega. “Capisco – ha detto ancora la Azzolina – che si faccia campagna elettorale, ma la scuola dovrebbe restare fuori perché così si spaventano le famiglie e gli studenti. Le famiglie vanno rassicurate”.

“Temo ci sia un tentativo di screditare il personale scolastico. Anche per gli esami di stato – ha ricordato la ministra dell’Istruzione – era stato detto ‘andranno tutti in malattia’. Ma abbiamo personale serio e in gamba. Non arriveranno dei certificati in massa, c’è una procedura specifica che coinvolge il medico”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA