La battaglia di Papa Francesco. Nell’omelia ricorda gli ultimi: “Oggi Gesù è su un barcone sovraccarico di migranti”

dalla Redazione
Cronaca

Una sfida alla mondanità e un monito a ricordarsi sempre negli ultimi. Nella sua omelia Papa Francesco ha rilanciato un messaggio chiaro: ricordare che oggi Gesù è tra i migranti sui barconi in fuga dalla disperazione.

“Lasciamoci interpellare dal Bambino nella mangiatoia, ma lasciamoci interpellare anche dai bambini che, oggi, non sono adagiati in una culla e accarezzati dall’affetto di una madre e di un padre, ma giacciono nelle squallide mangiatoie di dignità: nel rifugio sotterraneo per scampare ai bombardamenti, sul marciapiede di una grande città, sul fondo di un barcone sovraccarico di migranti”, ha detto il Pontefice. “Lasciamoci interpellare dai bambini che non vengono lasciati nascere, da quelli che piangono perché nessuno sazia la loro fame, da quelli che non tengono in mano giocattoli, ma armi”, ha aggiunto Bergoglio. “Gesù – ha evidenziato il Santo Padre – nacque rifiutato da alcuni e nell’indifferenza dei più. Anche oggi ci può essere la stessa indifferenza, quando Natale diventa una festa dove i protagonisti siamo noi, anziché Lui; quando le luci del commercio gettano nell’ombra la luce di Dio; quando ci affanniamo per i regali e restiamo insensibili a chi è emarginato”.

Ma il Papa ha confermato di prestare attenzione al senso più sincero del Natale: “Il Bambino che nasce ci interpella: ci chiama a lasciare le illusioni dell’effimero per andare all’essenziale, a rinunciare alle nostre insaziabili pretese, ad abbandonare l’insoddisfazione perenne e la tristezza per qualche cosa che sempre ci mancherà. Ci farà bene lasciare queste cose per ritrovare nella semplicità di Dio-bambino la pace, la gioia, il senso luminoso della vita”.