La Bonev racconta a Santoro le serate di Arcore, e la Pascale chiede 10 milioni di danni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Polemiche a non finire dopo l’intervista di Michelle Bonev a Servizio Pubblico ieri sera. L’attrice bulgara ha svelato i retroscena delle serate di Arcore, accusando di essere dovuta andare con Silvio Berlusconi per poter produrre la sua fiction.

Ma Francesca Pascale ha chiesto un maxi risarcimento da 10 milioni di euro da destinare interamente alle case-famiglia di Napoli. Risarcimento che verrà richiesto a Michele Santoro, Michelle Bonev e Urbano Cairo, editore di La7. La Pascale ha assistito alla trasmissione insieme al suo fidanzato Berlusconi, al cane Dudù e ai direttori dei tg Mediaset. Perplessità per l’ampio spazio dato all’intervista relativa alla sua sfera privata e ai gusti sessuali. La Pascale ha commentato dicendo: “Michelle? Per una volta brava a recitare”.

“Non ho ricevuto alcuna querela. Ma sono pronta a sostenere la verità anche davanti ai magistrati, come ho fatto a Servizio Pubblico”. Lo ha scritto pochi minuti fa sul suo profilo Twitter, l’attrice Michelle Bonev, dopo l’intervista rilasciata ieri sera alla trasmissione di Michele Santoro ‘Servizio Pubblico’, che ha suscitato un mare di polemiche. “Grazie ai vostri tanti messaggi di sostegno e solidarietà. Vi sento vicini in questo momento. Mi state dando la forza di andare avanti”, ha scritto in un altro tweet Michelle Bonev, che ha rilanciato sul social network il link con l’intervista di ieri sera.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA