La Bugno ha un nemico in più. Anche la Lega si è messa di traverso sulla nomina della fedelissima di Tria nel cda dell’Asi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dopo il M5S, anche la Lega si è messa di traverso sulla nomina di Claudia Bugno nel consiglio di amministrazione dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi). La donna, considerata il braccio destro del ministro Giovanni Tria, resta ancora appesa ad un destino a dir poco incerto perché da ieri non è più avversata dai soli grillini ma anche dal Carroccio. E così nel giorno in cui è stato nominato il nuovo presidente, Giorgio Saccoccia, e tre consiglieri, Maurizio Cheli (in quota Mise), di Luisa Riccardi (quota Difesa) e di Alessandra Celletti (quota Farnesina), a far notizia è ancora una volta la spaccatura sulla fedelissima di Tria. Un braccio di ferro che più passa il tempo, più avvicina il rischio che Di Maio e Salvini chiedano a Tria di cambiare il suo nome per il cda di Asi.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Magistrati o politici double face

Milano e l’Italia che conta si cuociono le mani per applaudirlo, con la supplica di restare (leggi l’articolo). Tra pochi minuti alla Scala va in scena il Macbeth, e Shakespeare è inarrivabile nel farci riflettere sul prezzo del potere. Mattarella ringrazia e a quanto se

Continua »
TV E MEDIA