La Calabria andrà al voto il 14 febbraio. Ma per i grillini è da irresponsabili. “Scelta affrettata ed imprudente”

Nino Spirlì
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“La scelta del presidente facente funzione Nino Spirlì (nella foto) di fissare la data delle prossime consultazioni elettorali per eleggere il presidente della Regione ed il nuovo consiglio regionale al 14 febbraio 2021, sembra non tenere in considerazione la situazione sanitaria attuale ed appare alquanto affrettata ed imprudente”. Lo affermano i parlamentari calabresi del Movimento 5 Stelle secondo cui “le disposizioni contenute nel nuovo decreto Calabria prevedono espressamente, considerato il quadro epidemiologico complessivamente e diffusamente grave su tutto il territorio nazionale a causa della pandemia e al carattere diffusivo del contagio, la possibilità di rinviare le elezioni regionali fino a 150 giorni” e “non si comprende il motivo di tanta fretta”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA