La cancelliera Merkel è a Roma. Conte: “Impegno congiunto di Italia e Germania per affrontare le principali sfide che ci attendono”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Italia e Germania hanno un “impegno congiunto per affrontare le principali sfide che ci attendono: l’immigrazione, il rilancio della crescita, l’occupazione, lottare contro il cambiamento climatico, completare la governance dell’Ue, il negoziato sul bilancio, la Brexit e il tema dell’allargamento”. E’ quanto ha detto il premier Giuseppe Conte incontrando, a Villa Doria Pamphilj a Roma, la cancelliera Angela Merkel.

“Italia e Germania – ha detto ancora il presidente del Consiglio – devono lavorare insieme per affrontare la comune responsabilità europea nel dare risposte adeguate ai cittadini. Con la Germania ci troviamo a condividere spesso obiettivi e modalità per raggiungerli, qualche volta non siamo convinti delle medesime soluzioni, ma dobbiamo continuare a lavorare in questa direzione, non dobbiamo aumentare l’intolleranza e le forze disgregatrici nell’Ue. Le nostre relazioni bilaterali sono efficienti ed eccellenti, da sempre la Germania è il nostro primo partner commerciale”.

“Ci siamo ripromessi – ha aggiunto Conte parlando dell’ex Ilva – una cooperazione anche per cercare di confrontarci sulle soluzioni più avanzate dal punto di vista tecnologico e condividere le conoscenze (nel settore dell’acciaio, ndr). Il governo sta lavorando su una soluzione che tenga in piedi da una parte la tutela della salute e dell’ambiente e dall’altra la salvaguardia dei livelli di occupazione. Bisogna far marciare all’unisono valori come salute, ambiente, lavoro. Ecco perché parlo di Cantiere Taranto, è una grande sfida per il più grande centro siderurgico in Europa”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA