La Casa Bianca avverte gli alleati: non utilizzate i prodotti Huawei. Rischi per la sicurezza delle comunicazioni, soprattutto nei Paesi che ospitano basi militari Usa come Italia e Germania

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Secondo il Wall Street Journal, che cita fonti governative, gli Stati Uniti avrebbero avviato “una straordinaria campagna di sensibilizzazione” per persuadere i fornitori di servizi wireless e Internet ad utilizzare smartphone e tablet prodotti dal colosso cinese Huawei Technologies Co. Le autorità americane avrebbero informato, in merito a possibili rischi sulla cybersicurezza, i Paesi alleati e amici, tra cui Germania, Italia e Giappone.

Le preoccupazioni della Casa Bianca riguarderebbero l’uso di prodotti cinesi in Paesi, come l’Italia e la Germania, che ospitano importanti basi militari americane. La maggior parte del traffico dati in molte basi è veicolato attraverso reti commerciali esposte a maggiori rischi rispetto ai satelliti militari e alle reti di telecomunicazioni protette del Dipartimento della Difesa.

Huawei si è detta “sorpresa dai comportamenti del governo Usa descritti nell’articolo”. “Se il comportamento di un governo si estende oltre la sua giurisdizione – ha detto un portavoce del colosso cinese guidato da Richard Yu -,  tale attività non dovrebbe essere incoraggiata. Prodotti e soluzioni Huawei sono ampiamente usati in oltre 170 Paesi in tutto il mondo, servono 46 dei primi 50 operatori mondiali, aziende di Fortune 500 e centinaia di milioni di consumatori. Ci scelgono perché si fidano pienamente”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è un fallimento

Continua »
TV E MEDIA