La Casta si arrocca sui privilegi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Rispunta l’immunità per deputati e senatori. La commissione Affari costituzionali del Senato ha dato il suo Ok all’emendamento dei relatori Anna Finocchiaro e Roberto Calderoli  al ddl Riforme. L’organo parlamentare a larga maggioranza ha dato il via libera alla modifica dell’articolo 68 della Costituzione. Hanno votato contro solo Sel e Movimento 5 Stelle. Il governo ha espresso parere favorevole sulla proposta. La modifica alla bozza dell’esecutivo (che inizialmente non prevedeva lo scudo per Palazzo Madama) era stata accolta tra le polemiche nei giorni scorsi.

La commissione Affari costituzionali prosegue senza intoppi con la maggioranza che tiene la prova del voto. Sulla strada delle riforme però sono stati tolti tutti gli ostacoli, cioè gli articoli su cui si è aperto infatti il vero dibattito politico e costituzionale. Nella seduta di questa mattina sono stati approvati gli emendamenti che modificano gli articoli dal  della Costituzione dal 60 al 6, bocciati tutti i subemendamenti, tranne quello di Francesco Campanella (Misto) che impone ai senatori la presenza durante i lavori delle commissioni. Domani, riferiscono alcuni componenti della commissione, si dovrebbe rispettare lo stesso timing e arrivare così a giovedì, quando si deciderà seriamente la sorte del ddl. Silvio Berlusconi infatti riunirà nel primo pomeriggio deputati e senatori di Forza Italia per riportare la fronda interna al partito sulla strada dettata dal patto del Nazareno.

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA