La Confsal al confronto col premier Conte e i ministri Catalfo e Gualtieri. Come affrontare la sfida per conciliare ripresa economica e sicurezza

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nel corso di un lungo e approfondito confronto, il segretario Generale della Confsal, Angelo Raffaele Margiotta (nella foto), ha discusso con il premier Giuseppe Conte e i ministri Roberto Gualtieri e Nunzia Catalfo le misure necessarie ad affrontare la grande sfida di conciliare la ripresa e la crescita economica con la sicurezza e la salute dei lavoratori. Nel prendere atto delle misure illustrate dal Governo, Margiotta ha posto sul tavolo del Governo un insieme di proposte riguardanti questioni fondamentali, tra cui: nuovo Protocollo di sicurezza anti-contagio, tenendo conto delle specificità di Sanità, Scuola, Funzioni Centrali e Funzioni Locali; obbligo di protocolli anche nei comparti dove operano i lavoratori in divisa (Sicurezza, Difesa e Soccorso Pubblico); adozione nelle aziende private del Protocollo anti-contagio targato Confsal, unitamente al Progetto attuativo “Covid-Impresa Protetta”; regolamentazione e potenziamento dei trasporti pubblici; sostegno al reddito, soprattutto delle fasce sociali più bisognose; garanzia della cassa integrazione a tutti i lavoratori aventi diritto; interventi strutturali per la riduzione del costo del lavoro nei settori economici più deboli, a partire dalle piccole e medie aziende; misure per incentivare l’emersione dal lavoro in nero ed estendere le tutele ai lavoratori che oggi sono costretti a lavorare come irregolari. Al termine dell’incontro, il premier Conte ha espresso l’apprezzamento del Governo per le proposte illustrate dal segretario Margiotta e l’impegno a dare continuità al confronto istituzionale con la Confsal.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Garantisti con tutti tranne che con Grillo

Se pensate che la bava alla bocca dei peggio giustizialisti sia vergognosa date prima un’occhiata al veleno dei meglio garantisti, di destra e di sinistra, difensori a oltranza della nipote di Mubarak e sostenitori di partiti dove più delinquenti arrestano più ne arrivano, e non

Continua »
TV E MEDIA