La Consulta dei privilegi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Clemente Pistilli

Ci vuole fortuna anche a indossare una toga. Difficile che un giudice riesca a guadagnare quanto quelli della Corte Costituzionale, tanto in Italia quanto all’estero. E impossibile che abbia gli stessi privilegi. Come se non bastasse una retribuzione annua di circa mezzo milione di euro, ai magistrati e al personale della Consulta viene poi garantita un’assicurazione sanitaria integrativa, che in caso di bisogno evita a loro e ai loro familiari di mettere mano al portafogli per curarsi. Con buona pace di Renzi e della spending review l’appalto per mantenere quest’ulteriore privilegio è stato appena bandito e parte da una base di quasi 4 milioni di euro.

Tutto sulle spalle dello Stato
La Corte Costituzionale ha avviato una gara per assegnare i servizi assicurativi di assistenza sanitaria integrativa appunto a favore dei giudici costituzionali, in carica ed emeriti, del personale in attività e dei pensionati della Consulta. Un appalto della durata di tre anni, che avrà inizio alla fine di quest’anno e si concluderà il 31 dicembre 2017, assicurando ben 434 nuclei familiari. Spese sanitarie, visite e ricoveri gratis dunque per magistrati in carica, in pensione, per il personale amministrativo attivo e a riposo, per i figli di toghe e amministrativi, per le mogli e pure per le compagne, tanto per non discriminare chi non ha indossato l’abito bianco ma è la compagna della vita di un magistrato. La Consulta, nel bandire l’appalto, ha poi ritenuto che il valore di un servizio del genere non si può stimare, limitandosi a precisare che “a titolo indicativo”, la disponibilità finanziaria dell’Amministrazione per tale copertura assicurativa è di circa 3,7 milioni di euro, al lordo di imposta. Cifra che potrebbe così anche lievitare. Le compagnie interessate potranno presentare la loro candidatura entro il 12 maggio e alla Consulta sceglieranno poi quelle da invitare a partecipare alla gara, tutto entro la fine di maggio.

Ente dorato
La Corte Costituzionale è uno degli enti italiani più costosi. Per far funzionare quell’organismo chiamato a pronunciarsi sulla legittimità costituzionale delle leggi e sui conflitti tra organi dello Stato, per il 2014, sono stati messi in bilancio 64 milioni di euro. Un Eldorado soprattutto per chi, a partire dai magistrati, ha la fortuna di lavorare in quel palazzo a due passi dal Quirinale. Il presidente della Consulta, ruolo attualmente rivestito da Gaetano Silvestri, ha infatti uno stipendio annuo lordo di circa 550mila euro e i giudici costituzionali di circa 500mila. Nel Regno Unito i magistrati che svolgono le stesse funzioni di quelli costituzionali italiani si fermano a 217 mila euro e negli Usa a 166 mila. Poveri rispetto alle toghe tricolore. Senza contare che la pensione per i giudici della Consulta è di circa 200 mila euro l’anno. Ottime retribuzioni e attività affatto massacranti rispetto a quelle che ogni giorno svolgono i tanti giudici dei Tribunali ordinari della Repubblica.

Privilegiati
Lo stipendio non è poi tutto per giudici e semplici dipendenti della Corte Costituzionale. I magistrati hanno a disposizione auto blu e autisti – due per ogni giudice – che costano circa 750 euro al giorno. Non pagano aereo, treno e taxi. Hanno un cellulare di servizio, un pc portatile e lo Stato paga loro anche l’utenza telefonica di casa. Quando arrivano a Roma hanno a loro disposizione una confortevole foresteria e l’auto blu la mantengono anche per un anno dopo essere andati in pensione, privilegio quest’ultimo che fino a qualche tempo fa era per tutta la vita. Finisce così che la Corte Costituzionale costa oltre 41 milioni ogni dodici mesi, a fronte dei circa 14 di quella del Regno Unito. Una differenza che non può non dare nell’occhio. La conclusione è che in tutto questo calderone di spese non poteva mancare pure l’assicurazione sanitaria.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA