La corruzione “vola” a Ciampino

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Costi dei lavori gonfiati,  appalti pilotati e cantieri fantasma negli scali minori del Lazio: queste le accuse a carico dei cinque funzionari pubblici dell’Enac  (Ente nazionale per l’aviazione civile) che sono stati arrestati questa mattina all’alba. Tra essi ci sono anche l’ex direttore di Ciampino, Sergio Legnante, e un imprenditore.

Per tutti si parla, in particolare, di associazione a delinquere finalizzata ai reati di corruzione, turbata libertà degli incanti, falso e frode nelle pubbliche forniture. L’inchiesta è partita nel 2009, dopo la denuncia di un ex dipendente dell’Enac che aveva segnalato anomalie nell’assegnazione degli appalti. Dal quadro delle accuse emergerebbe l’esistenza di una vera e propria organizzazione criminale finalizzata a fare in modo che tutti i lavori negli aeroporti minori fossero assegnati, in modo non legittimo, a società riconducibili all’imprenditore Massimiliano Mantovano. Secondo il gip, i costi dei lavori sarebbero stati gonfiati fraudolentemente per poi dividere i soldi insieme a “funzionari pubblici infedeli”.

Anche per Alfonso Mele, ingegnere in servizio presso la Direzione centrale dell’Enac, è stato disposto un provvedimento di custodia cautelare in carcere. Agli arresti domiciliari si trovano invece Adriano Revelant e Luigi Guerrini, uomini di fiducia di Mantovano, più il dipendente dell’Enac Renato Lolli, il commercialista Massimliano Masti e la collaboratrice di Mantovano Miriam Brusca.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA