La Corte costituzionale detta i tempi della crisi di Governo. Il 24 gennaio si pronuncerà sull’Italicum

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La crisi di Governo avrà il ritmo deciso dalla Corte costituzionale. Come sempre, infatti, saranno i giudici a decidere prima della politica: il 24 gennaio ci sarà la sentenza sull’Italicum. La Consulta è chiamata a decidere sui punti fondamentali della legge elettorale: attribuzione dei seggi, premio di maggioranza, ipotesi di ballottaggio e capilista bloccati. In pratica potrebbe riscrivere daccapo il sistema con cui gli italiani eleggeranno il nuovo Parlamento.

La prima reazione è stata del leader della Lega, Matteo Salvini. “Che la Consulta si prenda un altro mese e mezzo è una cosa incredibile, fuori dal mondo, una follia”. Dall’ex presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, arriva un appello: “Spero che Mattarella metta una pietra tombale sulla possibilità di andare a votare in tempi brevi con l’Italicum e il Consultellum. Anche perché l’Italicum ripropone gli stessi elementi di incostituzionalità già sanzionati dalla Consulta all’Italicum”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA