La crescita del Carroccio spaventa Renzi. E il premier passa all’attacco accusando la Lega di fare terrorismo mediatico

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il boom elettorale della Lega e l’apertura di Matteo Salvini alla nascita di formazioni del proprio partito anche nel centro e nel sud Italia incutono un certo timore al premier, Matteo Renzi. Non è certo un caso quindi che il presidente del Consiglio è passato all’attacco diretto del Carroccio.  “Ci sono vari modi per relazionarsi ai cittadini, mai come in questo momento è chiaro che c’è chi punta sulla rabbia, su messaggi di terrore verso il futuro, e chi invece cerca di rappresentare la realtà e di lavorare per risolvere i problemi”, ha affermato Renzi, “Siamo pronti a parlare di tutto ma senza fare terrorismo mediatico e paura che si ritorce contro chi la fa”. Una presa di posizione che è apparsa molto dura se si pensa che è arrivata in risposta a un’interrogazione che riguardava la legge Fornero sulle pensioni. Renzi ha ricordato al capogruppo del Carroccio che il primo ad aumentare l’età pensionabile è stato l’allora ministro del Lavoro, Roberto Maroni. Insomma alta tensione.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA